La Start Up

Cardiia, l'app che aiuta a prevenire le malattie cardiovascolari

Cardiia, un balsamo per il cuore

cardiia-1Prevenire è meglio che curare. Quante volte, nel caso di malattie cardiovascolari, abbiamo pensato "se avessimo potuto far qualcosa prima”...

Fortunatamente la tecnologia, oggi come non mai, ci viene in aiuto per la tutela della nostra salute. Un team di lavoratori internazionale, in gran parte italiano, ha creato Cardiia, app con lo scopo di prevenire le patologie del cuore e rilevare eventuali aritmie senza l’ausilio di sensori esterni.

Come funziona Cardiia?

cardiia-3Una tecnologia che sfrutta Intelligenza Artificiale e Video Analisi. Cardiia misura con estrema precisione il battito cardiaco e la pressione sanguigna semplicemente leggendo il flusso del sangue del dito che tocca la camera dello smartphone, come fa un normale saturimetro (strumento medico per valutare i valori di ossigeno).

Gli sviluppatori hanno infatti ben pensato di inserire una vasta raccolta di informazioni mediche nella memoria dell'app, in modo tale che essa possa fornire le indicazioni che i suoi utenti necessitano.

 

L’intelligenza artificiale rileverà dunque l’eventuale presenza di un disturbo cardiovascolare confrontando il pattern raccolto con uno di quelli presenti nel suo database.

Le funzionalità di Cardiia sono estremamente accurate ( la percentuale di precisione è di circa il 98%) e facili da usare, anche a confronto delle piattaforme già presenti sul mercato. I dati, inoltre, possono essere condivisi e monitorati in tempo reale anche dal medico curante, a cui è sempre meglio affidarsi.

Tante malattie, una sola app

cardiia-8L’app vuole monitorare malattie come la bradicardia, la tachicardia ventricolare,l’ipertensione e altre problematiche, che permetteranno di migliorare la vita di tante persone.

Tali patologie infatti sono la causa di oltre il 30% dei decessi su base mondiale, spesso sottovalutate in assenza di sintomi evidenti.

La verisone Beta è stata lanciata sul mercato nel gennaio 2018, dal momento che la campagna su Kickstarter ha già superato di gran lunga il budget prefissato. L'app funziona sia su Android che su iOS.

Piccoli passi per grandi risultati.

irene-caltabiano

 

di  Irene Caltabiano 

 

 
 

 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

 

 

 

Continua...

Al revès, la sartoria sociale dove rimetti a nuovo tutto...anche la tua vita

Al Revès, la sartoria sociale

al-revès-sartoria socialeIn lingua spagnola, significa al contrario.
 

Metaforicamente, inversione di rotta, vedere le cose da un punto di vista diverso. Ribaltato all’occorenza. Come un vestito vecchio che può essere riciclato diventando una borsa nuova di zecca. O un’esistenza senza più timone che ritrova nel cucito un’occasione di riscatto.

Al Revès è il nome di una sartoria nel cuore di Palermo. Un luogo in cui anche le vite si riciclano e si reinventano, soprattutto quelle considerate di scarto, persone poco o affatto inserite nel tessuto sociale.

Un progetto di impresa interculturale che riunisce stilisti, sarti e amanti di ago e filo di varie etnie, giovani e meno giovani, persone con difficoltà umane, relazionali, occupazionali o esistenziali, immigrati, detenuti, donne in difficoltà. Tutti parte di un patchwork, scampoli che, insieme, vanno a creare un coloratissimo e resistente tessuto.

Cos’è una sartoria sociale                                                 

al-reves-8«Abbiamo iniziato in uno sgabuzzino, poi abbiamo vinto un bando e adesso siamo qua»dice Rosalba Romano, responsabile del progetto della cooperativa Al Revés. Ma cosa si fa dentro una sartoria sociale?

Riparazioni, realizzazione di vestiti, borse, oggettistica, corsi di cucito. Ultimamente la cooperativa si sta specializzando persino in tappezzeria artistica. In poche parole si creano percorsi lavorativi all’insegna di collaborazione, educazione e solidarietà.  

Leggi anche: Aggiustatutto Repair cafè, nulla si distrugge, tutto si trasforma

Un settore non certo facile, ma che trova tuttavia la sua clientela, sia privata che aziendale, acquirenti che vogliono comprare prodotti ben fatti e originali.

«In Italia arrivano tanti stranieri con capacità sartoriali apprese spesso anche grazie al lavoro svolto dalle missioni che però non hanno il livello di professionalità richiesto dai nostri standard e dal nostro contesto » Per questo, è importante in primis, educare al lavoro.

sartoria-sociale-4

Lo stesso tipo di percorso viene sviluppato con persone svantaggiate non necessariamente straniere, che non riescono a inserirsi in un percorso professionale: individui con capacità fisiche o mentali ridotte o a volte, semplicemente considerate troppo vecchie per entrare nel mercato del lavoro. Ma anche studenti volenterosi, freschi laureati, per cui Al Revès diventa occasione di toccare con mano il cambiamento dal basso.

Insomma non è solo un percorso professionale ciò che si fa insieme ma anche esistenziale, con l’obiettivo di far nascere una comunità educante, che punti a ridare alle persone fiducia in sé stesse.

I progetti di Al Revès

I progetti portati avanti sono diversi, ciascuno con un’attenzione particolare dedicata ad una determinata categoria. C’è Flowers of Hope, laboratorio di creazione di fiori di tessuto realizzati da donne provenienti da contesti difficili, quali maltrattamento o abbandono.

Oppure Sigillo, esclusivamente dedicato alle detenute all’interno della casa circondariale Pagliarelli di Palermo, iniziativa che mira a creare un ponte tra dentro e fuori, favorendo la risocializzazione una volta uscite di prigione.

O ancora Wear the difference, un preciso progetto di moda etica. Capi unici di manifattura artigianale, realizzati da immigrati e persone con disagio sociale insieme ad artisti locali. Ogni vestito, una storia da indossare.

La storia della sartoria Al Revès è diventata persino un documentario premiato al Deauville Green award, festival francese dedicato ai temi di crescita sociale. Storie dell'altra moda, la sartoria sociale di Palermo è stato realizzato all'interno del laboratorio di comunicazione sociale del progetto FQTS, volto a produrre un video di taglio documentaristico per ciascuna regione del Sud. 

Al Revès simbolo di lotta alla mafia

al-revès-9Un progetto notevole che da poco è diventato simbolo di rinascita anche come lotta contro la criminalità locale. È stata infatti inaugurata a Palermo la nuova sede in via Casella 22. Dove prima c’era Mobil shop, attività di copertura gestita da terzi per conto di Salvatore Buscemi, noto mafioso, e confiscata nel 1998, ora verrà riempita da scampoli, ago, filo e tanta speranza.

«Un segnale positivo – ha dichiarato il sindaco del capoluogo siciliano Leoluca Orlando - che ha anche un valore simbolico straordinariamente importante ed è la conferma del cambiamento della città che un tempo era la capitale della mafia ed oggi è, a pieno titolo, capitale della cultura, non solo artistica, ma anche di vita, legalità, solidarietà, accoglienza».

 

irene-caltabiano

 

di Irene Caltabiano

 

 

 

 
 

 

 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

 

 

 

 

Continua...

Tentrr, l'Airbnb dei campeggiatori

Se è il viaggiatore a fare il viaggio, non tutti siamo tipi da hotel, servizio in camera e colazione a letto.

tentrr-1Per molti, e mi ci metto anche io nella categoria, partire è sinonimo di zaino e gambe in spalla. Meglio se con una tenda a portata di mano.

Tuttavia, anche nel caso in cui si opti per un road trip non sempre è facile trovare un posto dove piantare la propria “dimora temporanea”. Lo sa bene Micheal D’Agostino, inventore di Tentrr, ribattezzato l’Airbnb del campeggio.

La scintilla si è accesa dopo aver trascorso un weekend con la moglie in cerca di un terreno dove sistemare la propria canadese. Allora perché non creare qualcosa di molto simile al fratello più famoso, collegando tutti i privati disponibili ad affittare una tenda in campagna o un terreno su cui poter campeggiare?

Come funziona

tentrr-5Al posto di un letto, una tenda. Con tanto di materasso ad aria e tutto ciò che può servire per la permanenza, come un fornelletto, piatti, acqua, una dispensa di cibo a lunga scadenza, un tavolo da picnic con sedie e una toilette outdoor.

Così come su Airbnb, dove si può prenotare una stanza scegliendo mese, giorni e numero di persone la stessa cosa potrà essere fatta con una tenda (fino a un massimo di quattro campeggiatori per ciascuna). 

Inoltre, in base ai filtri impostati, si potrà decidere se sostare in un luogo dove fare lunghe passeggiate, scalare o ad esempio, specificare la vicinanza ad un fiume per fare rafting.

Per chi volesse mettere a disposizione tenda e area dovrà pagare una somma di 1500 dollari e  ad ogni prenotazione riuscirà a ottenere l’80% del costo iniziale. Solo dopo essersi messi in contatto con il proprietario ed accordati su prezzo e durata della permanenza, è possibile effettuare il pagamento online.

Un business vincente

tentrr-8Al momento la piattaforma è disponibile solo in America, in zone rurali dal Sud del Maine alla Pennsylvania orientale. Ma è un business il cui fatturato è cresciuto in maniera esponenziale, che si potrebbe facilmente trasferire ad altre aree del mondo.

Ad esempio in Italia, dove il clima mite, la folta presenza di aree naturalistiche e terreni favorevoli potrebbero dar vita a una fiorente attività.

Al momento non è un servizio esattamente economico. Ma sicuramente, soprattutto se siete amanti della natura, un'esperienza da provare. 

 

di Irene Caltabiano

 

 
 

 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

Continua...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi