Meetic 728x90

Allena il pensiero strategico ☝

Come prepararsi ad una prova costume serena

La prima ondata di caldo torrido di questo 2015 ci ha colto tutti di sorpresa. L’afa ha portato con sé l’irresistibile voglia di immergersi in Chiare, fresche et dolci acque, ma al contempo ha fatto scattare in noi un campanello d’allarme che ignoravamo beatamente da almeno sei mesi:

L’ODIATISSIMA PROVA COSTUME!

So che anche tu, al cambio dell’armadio, hai ritrovato il bikini che in autunno avevi riposto con determinazione pensando: “A gennaio mi metterò a dieta, mi massacrerò di sport, spenderò tutto lo stipendio in massaggi e creme anticellulite e arriverò a giugno che sarò una stra-fica.”

Chiaramente i tuoi ultimi buoni propositi si sono fusi insieme al cioccolato residuo delle uova di Pasqua che hai disciolto per farcire la torta, e i tuoi cuscinetti sono rimasti tutti lì, intatti, se non lievemente peggiorati.

Ora sei tentata di consumare l’ennesimo psico-dramma davanti allo specchio e di inscenare il ruolo della pentita.

Digiti come una matta frasi come “dimagrire in fretta” e "perdere 5 kg in una settimana". “Rimedi cellulite” sono le parole chiave dei tuoi pomeriggi.

Intanto le tue amiche sempre in formissima stanno organizzando la prima gita al mare e non vedono l’ora di sfoggiare il loro nuovo micro due pezzi e darsi al rimorchio selvaggio, tracannando spritz dal mattino alla sera senza sensi di colpa né danni collaterali.  E tu, come ad ogni primavera inoltrata, inizi la dieta depurativa: pranzi con la frutta, ceni con l’insalata scondita, ricominci a fumare per placare la fame, vai a correre anche con 40 gradi all’ombra indossando improbabili tute per sudare di più, bevi succo d’ananas illudendoti che bruci i grassi e speri che il miracolo si compia in 5 giorni. Mantieni questo ritmo finchè non ti rassegni (in genere verso il mese di luglio) e ricominci una vita normale, perché tanto, grazie al fai-da-te, più di quei due chili di ritenzione idrica non riesci a smaltire.

E allora, che fare?

Rilassarsi, godersi la bella stagione e rimandare i buoni propositi all’anno prossimo, ovviamente. E dedicare tutte quelle preziose energie spese per l’inseguimento di una forma perfetta che non si raggiunge mai verso progetti più proficui per la tua realizzazione personale. E poi forse tutto arriverà da sé, anche la voglia di fare sport! (Forse).

E tu come stai affrontando la prova costume di quest'anno? Sei rilassata oppure temi il confronto con lo specchio? Raccontaci la tua esperienza!

Continua...

Cosa c'entra la Felicità con Nemico Pubblico?

Niente! Ma Rai 3 nella seconda serata di domenica ha deciso di dare spazio ad una nuova trasmissione, abbastanza ovvia di contenuti dove si lascia blaterare un certo Giorgio Montanini (chi cacchio sia, nessuno lo sa) che oscilla tra i monologhi alla Paolini, dalle telecamere nascoste in stile Iene, fino ad un incomprensibile corto sugli emoticons. Boh? E che vorrà significare?

La parte più banale poi è stata la 10na di minuti sulla felicità. Con frasi del tipo: "la felicità si trova nelle piccole cose", "non bisogna pensare che la felicità sia qualcosa di enorme", per terminare con un "non separatevi! tanto la felicità in amore non esiste".

La Felicità

Secondo Wikipedia è lo stato d'animo (emozione) positivo di chi ritiene soddisfatti tutti i propri desideri.

Ma la descrizione più meravigliosa (ci piace l'errore) è quella descritta da un lettore di Repubblica  che cita "la FELICITA' è quando in un determinato momento ti rendi conto che non cambieresti niente" (di grazianasap).
Ma l'iniziativa del prestigioso giornale, ci regala altre bellissimi affermazioni sul concetto di felicità. 

Un lettore, che si firma pedrofurioso, spiega che è la "possibilità che diamo a noi stessi di essere ciò che siamo veramente. Essa è il regalo più meraviglioso di tutta la vita: ci permette di capire se stiamo seguendo la nostra vera essenza". 

Ma c'è anche chi riesce a vederla anche nelle piccole difficoltà quotidiane: "... È la telefonata che ricevi dai tuoi figli che vedi poco ma li ami sempre tanto! 

Scienziati, economisti, giornalisti, filosofi e personaggi della cultura da sempre provano a rispondere a una delle domande più difficili: è possibile individuare una formula per essere felici?

Noi speriamo che voi scriviate la vostra ricetta della felicità

 

 
Continua...

Se dico felicità, a cosa pensi?

Il diavolo sta nei dettagli, ma nello stesso luogo risiede anche la felicità. Quello che finora ci aveva suggerito l’esperienza personale, trova conferma in un sondaggio realizzato da Bupa per il lancio della campagna “Feel Great Britain”. Quali sono i piaceri della vita più preziosi, secondo gli inglesi (o meglio, il campione composto da 2.000 intervistati)? Ai primi posti spiccano frammenti del quotidiano apparentemente insignificanti, ma solo perché spesso li diamo per scontato. La sensazione più impagabile in assoluto (a sceglierla, due intervistati su tre) è quella di dormire in un letto appena rifatto, seguita dal benessere che si prova quando si è “baciati dal sole” (57%).
 
A dispetto dei luoghi comuni, la cortesia è sempre benvenuta. Fare o ricevere una gentilezza mette di buonumore. A conferma che la preparazione del piacere è essa stessa fonte di piacere, in classifica troviamo anche il venerdì (24esimo posto) e il cartello “chiuso” prima di andare in ferie (38esimo posto). Tra le sorprese più gradite, ascoltare in radio la propria canzone preferita, magari mentre “si salta” distrattamente da una stazione all’altra.
 
Un benessere decisamente particolare è quello associato al “clac” del vasetto di marmellata appena aperto. A indicarlo il 9% del campione (46esimo posto). A “vincere” il titolo di piacere più strano è però, indiscutibilmente, quello legato alle pulizie del bagno. Incredibile ma vero, lo troviamo in classifica (49esimo posto).
 
 
 
 
 
 

 

 

 
Continua...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi

Contattaci