Lino Bansky, artista di "streda"

Chi ricorda lo spassoso video di Fabio Celenza?

Lino Bansky

Autore del "Mick Jagger salentino"?

L'ironia meridionale colpisce ancora. 

A volte, infatti,  basta una semplice assonanza per  scatenare la scintilla della genialità. 

E dopo il musicista bontempone, è un altro pugliese a rendere omaggio a due facce della medaglia dell’arte, creando l’ ideale asse Andria-Bristol. 

Lino Bansky

E' la fusione perfetta tra lo street writer inglese e il comico pugliese Lino Banfi. 

Ad unirli, la provenienza dalle stesse lande. 

 

Un nuovo tormentone made in Italy

Lino BanfiChe unisce l’arte dissacrante di Bansky e le perle dialettali dell'attore. Il risultato è esilarante. 

Il bambino inginocchiato con la scritta Forgive us our trespassing, diventa un omaggio alla classica battuta di Banfi «Oh madonna benedetta dell’incoroneta!».  

Lo stencil con il teppista che lancia i fiori diventa un ragazzo con in mano un corno rosso, la bambina che si dondola dalla scritta Parking diventa un’altalena appesa a Castel del Monte. 

Ma non solo 

Il faccione di Banfi comincia a sbucare in tutti le versioni sui muri di Andria, scatenando un incredibile effetto comico.

Una parodia leggera, che pare anch’essa erede della commedia all’italiana. Perché la marcia in più degli abitanti del Bel Paese è sempre stata la vis comica e la capacità di ironizzare, soprattutto su se stessi. 

Ulteriore punto in comune con il collega di Bristol ? Non si conosce il volto dell’artista, che rimane nell’anonimato, Anzi, nell' anonimeto. 

Irene Catabiano

 

di IRENE CALTABIANO

 

 
 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

Allena il pensiero strategico ☝

Si può smettere di dipendere dalle serie tv?

Binge watching Macinare un episodio dopo l’altro, puntata dopo puntata, fino a perdere la concezione del giorno e della notte. Il binge watching è una brutta bestia ed è figlio dei nostri tempi fatti di Netflix, Infinity e piattaforme di streaming che ti danno pochissimo...
Continua...

L’invidia è un boomerang o un seme? Sei tu a decidere

Ci sono foto che parlano con più forza di una voce squillante o di un linguaggio forbito 1958, Beverly Hills, Usa. Sophia Loren e Jayne Mansfield sono sedute in un ristorante. La prima approfitta della vicinanza per guardare con malcelato scetticismo il decolletè della bionda. Sembra incredibile...
Continua...

Il tuo partner è geloso? L'amore è libertà, non controllo

«Sai che ci amiamo tantissimo. Credo proprio sia l’uomo della mia vita». Chiara sorseggia il suo thè e le parole contraddicono la malinconia dello sguardo. Gli occhi si perdono a osservare i fumi della tazza che tiene tra le mani. Capisco che vuole che la lasci parlare. Un piccolo sospiro, poi...
Continua...

Cosa fare se ci si sveglia durante la notte?

I due consigli per riaddormentarsi in caso di risveglio notturno Esiste un tipo di insonnia chiamata “insonnia centrale” o “difficoltà a mantenere il sonno”, che è del tutto normale, e che si verifica quando, ad esempio, alle quattro del mattino ci si ritrova completamente svegli. E’ normale perché...
Continua...

Non esistono supereroi. Davanti alla malattia siamo forti ma fragili

Il confine tra opinione e religione è fondamentale ma spesso sottile, addirittura permeabile Condividere il proprio punto di vista e/o la propria esperienza di vita con gli altri è un diritto sacrosanto, un’esigenza legittima. Raccontarsi è utile sia per chi lo fa che per chi ascolta, ma solo...
Continua...

Sei un pollo o una fenice?

Cambiare lavoro, casa, iniziare una nuova relazione. Il cambiamento fa paura: è come un terremoto interiore che, a volte, può essere paralizzante. Ricominciare da zero non è mai facile: da un lato la malinconia della fine, dall’altro l’emozione e l’ansia della novità. In qualsiasi campo, ciò che ci...
Continua...

Combattere l’insicurezza e le malattie con la scrittura

Quanto ci condiziona l’immagine restituita dallo specchio? Personalmente dipende dai giorni. Quando l’umore è alto, la mia percezione di armonia tra interno ed esterno non viene intaccata neanche da quelli che ritengo i miei principali difetti. Felicità e consapevolezza rendono trascurabili ai miei...
Continua...

Scegliere è naturale. Scegliere bene è un’arte

Punti di vista Il primo giorno  a Kyoto entrai in un ristorante e ordinai una tazza di tè verde con lo zucchero. Dopo una pausa, il cameriere disse: «Non si mette lo zucchero nel tè verde».  «Lo so» risposi «Sono a conoscenza di questa usanza. Ma il tè mi...
Continua...
loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi