La soluzione alla crisi? Dovete morire prima!

Sembra un articolo assurdo e provocatorio, ma purtroppo è la triste verità.

Ad annunciare questa dichiarazione è Christine Lagarde, Direttore Operativo del Fondo Monetario Internazionale (FMI), 60 anni, francese.

La notizia, quando non volutamente nascosta, è passata alquanto inosservata; Eppure conferma una volta di più la confusione che regna sotto il cielo dell’economia e soprattutto il buco nero che sta dietro alla crisi degli ultimi anni: lo smantellamento progressivo dello stato sociale.

Il Fmi sottolinea inoltre che “l’offerta di investimenti sicuri è diminuita di pari passo alla capacità del settore pubblico e privato di produrre servizi di questo tipo”. 

E la causa principale è individuata nella longevità “eccessiva” delle relative popolazioni.

Se l’aspettativa di vita media crescesse di tre anni più di quanto atteso ora entro il 2050, i costi potrebbero aumentare di un ulteriore 50%.

Sul fatto che la maggiore longevità comporti costi maggiori non ci può essere dubbio. 

Oltre una certa età una persona non può e non deve essere obbligato a lavorare, quindi la società si deve assumere l’onere del suo mantenimento in vita in condizioni dignitose (previsto anche dalla Costituzione). 

La questione, quindi non riguarda se la longevità sia un costo o no, ma esclusivamente quale parte della società dovrà pagare questo costo.

Duccio

Vuoi approfondire? 

 

loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi