P.Iva. Non c'è problema. Pagate le tasse!

Numeri su numeri, ma alle partite Iva va sempre peggio. 
Il Documento di economia e finanza (Def) presentato dal Governo dimentica ancora una volta chi quotidianamente porta avanti l’economia in questo Paese.
 
Nello stesso documento però, tra una frase e l’altra, si finisce per aumentare le tasse e rendere più aspra la pressione fiscale. Questa è l’accusa mossa da Unimpresa, l’ente di rappresentanza delle micro, piccole e medie imprese italiane.
 
Pressione fiscale ai massimi
In particolare, secondo Unimpresa, il Def porterà a una stangata fiscale da oltre 100 miliardi di euro dal 2015 al 2019. In questo periodo stando all’analisi del Centro studi di Unimpresa gli italiani dovranno versare nelle casse dello Stato 104 miliardi di euro in più rispetto al periodo precedente, con un aumento percentuale del 13%.
 
In particolare, le entrate tributarie arriveranno a 881 miliardi del 2019, merito della stretta da quasi ottanta miliardi che coinvolgerà principalmente Irpef, Ires e Iva. Il tutto di traduce, secondo Unimpresa, in un dato che fa stare male il popolo delle partite Iva: la pressione fiscale salirà oltre il 44%!
 
La metà del fatturato se ne va in tasse. 
Assurdo. Se a questo si aggiunge anche la pressione contributiva si capisce che alla fine si lavora per pagare lo Stato e l’Inps.
E la spesa non si riduce...
A fronte dell’aumento delle entrate non si intravvede una riduzione della spesa. Sempre secondo l’analisi di Unimpresa le uscite statali cresceranno di quasi 38 miliardi (+4%). Un dato che fa riflettere è la composizione della spesa: a pesare sarà soprattutto la parte corrente, mentre saranno sterilizzati gli investimenti pubblici, che rimarranno costanti attorno ai 60 miliardi di euro l’anno. Una spesa improduttiva quindi che sarà destinata ad acquisti e stipendi, anziché alimentare il circuito virtuoso degli investimenti.
 
Numeri impietosi
Guardate questo video pubblicato da Repubblica 
Raramente anzi mai credo di aver visto un tale concentrato di idiozie per eccitare gli animi contro l'evasione fiscale. 
Giudicate voi. 
Un giovane professionista rappresentato come "geneticamente evasore", deriso per le troppe tasse che sostiene di pagare (come non fosse vero...) e che naturalmente vuole diventare invece "un ciccione che evade la tasse felice", e una commercialista prostituta che lo asseconda ... 

Duccio
 
Iscriviti al nostro canale Youtube
 
 
 

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi