Creare un laboratorio sartoriale dagli scarti di tessuto

«Un sud diverso che si apre molto all’esterno, che accoglie».

officine-frida1«Siamo partiti con il passaparola da amici e persone a noi più intime che, con il tempo, sono poi venute a portarci tessuti e materiali».

Le cose migliori spesso nascono così. Da iniziative semplici che, con passione e dedizione, diventano realtà sempre più grandi.

Nella splendida cornice di Matera, Officine Frida si pone come punto di riferimento di un modo diverso di vedere e fare economia.

Un laboratorio che combatte il consumismo estremo che caratterizza i nostri tempi e ridona valore a ciò che per molti è ormai solo uno scarto.

loading...

Cos'è Officine Frida

vestito-fridaUn laboratorio di moda sostenibile e design dove si realizzano sia abbigliamento che accessori da materiali di recupero.

Un laboratorio cresciuto scampolo per scampolo, grazie alla materia prima gratuita con cui vengono abbattuti i costi finali di  produzione. I tessuti provengono infatti sia da privati che da scarti di lavorazione di aziende locali.

Qualsiasi pezzo di stoffa può avere una seconda vita: dalla stoffa di un divano a una passamaneria fino a vecchi foulard.

«Il risultato spesso è una sorpresa anche per me» afferma Mariella Basile, co-fondatrice delle Officine Frida. «Mia mamma era sarta e so quanto possono essere versatili i tessuti. Ma non avevo idea che anche i materiali non convenzionali potessero dare queste soddisfazioni. Ora stiamo sviluppando nuove tecniche di taglio e confezione per riuscire a sfruttarli sempre meglio».

Pagurojeans, la startup italiana che riduce gli sprechi della filiera tessile

I prodotti finali sono categorizzati in diverse collezioni: uomo, donna, bambino. Un patchwork di tessuti sgargianti, pezzi unici che puntano ad originalità e praticità.

Un laboratorio che è anche e-commerce. Ciascun pezzo è infatti ordinabile su Internet e viene spedito a casa tramite corriere entro le 48 ore.

La filosofia di Officine Frida

officine-fridall nome? Un omaggio alla pittrice messicana Frida Khalo, immagine di creatività femminile potente e affermata. Come lei, le donne di Officine Frida hanno volontà di innovare rimanendo nello stesso tempo ben salde alle loro radici.

Le socie di Officine Frida puntano anche a recuperare le tradizionali tecniche di sartoria, rinsaldando il legame con il territorio. Officine Frida nasce da influenze professionali diverse: teatro, arte, economia solidale.

E infatti gli spazi laboratoriali sono aperti a iniziative e progetti. «Questo è il vero spirito di Officine Frida: un luogo che si fonda sullo scambio. E questo ci sta procurando delle esperienze bellissime, ci mette in contatto diretto con il territorio».

Al Revès, la sartoria sociale dove rimetti tutto a nuovo...anche la tua vita

«Abbiamo allestito laboratori aperti alla popolazione. È impressionante vedere quanta gente non sa più nemmeno accorciarsi un paio di pantaloni. Noi invece vogliamo che i saperi manuali siano trasmessi alle nuove generazioni. Conoscere le tecniche base della sartoria vuol dire anche riuscire a riparare un capo al posto di buttarlo».

Tra i laboratori che sono partiti anche un corso di telaio verticale, antico strumento legato alla tradizione mediterranea. «Gli uomini, specie i ragazzi più giovani, sono incuriositi. Li vedo che spiano, a volte chiedono informazioni ma alla fine si fermano lì. Non osano. Ma so che anche lì è solo una questione di tempo».

irene-caltabiano

 

di Irene Caltabiano

 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi

Contattaci