Zitto e guarda! I tipi che uccideresti quando vai al cinema

Lo ammetto.

 Sono una cinefila convinta e chi mi sta accanto quotidianamente lo sa. Sa che il 70% delle parole che dico sono citazioni di film Ciò provoca chiaramente ampi disagi sociali quando comprendi che il resto del mondo pensa che tu soffra di una forma rara di schizofrenia.

Per questo motivo quando individui i tuoi simili sei felice come una Pasqua e cominci a muoverti in branco come i lupi. E la tana  in questo caso è la sala cinematografica.

Una volta sistemato sull’adorabile poltroncina rossa ti rendi conto che purtroppo non tutti hanno la stessa sacra venerazione dello schermo. Per te il cinema è un rito, per altri un  modo per passare due ore in attesa del corso di pilates o della pizza con gli amici. Ecco perciò un elenco di individui che sopprimeresti volentieri quando ti trovi nel tempio della pellicola: 

1)  L’uomo-quesito

Già dall’apparizione del logo della Twenty Century Fox, non capisce un caxxo. Comincia così a tartassare di domande il malcapitato amico che l’ha portato con sé. A fine film lo vedrai fissare lo schermo con occhio vacuo ed esclamare :«Ho capito, il colpevole era il maggiordomo». Peccato che il film fosse Saw l’enigmista.

2) Il bambino posseduto dal demonio

No non è un effetto speciale. Anche se si tratta del film di Peppa Pig, il pargolino comincerà a piangere fin dall'inizio, mettendo a dura prova i tuoi timpani. Oppure si intratterà nel divertentissimo gioco di tirarti i pop corn in testa o dare calci al tuo sedile. Ai titoli di coda, uscirà ridendo e trotterellando mentre tu hai ridotto la lattina in poltiglia pur di non pigliarlo a ceffoni. L’unica soluzione è rendersi conto di aver attraversato l’infanzia da un pezzo e rinunciare ai cartoni animati (giammai!!!).

3) Il cronista

L'individuo capace di commentare tutto (dal trucco al parrucco degli attori alla stoffa del vestito della protagonista) tranne l’effettiva qualità del film. Fuori dal cinema commenta stizzoso:«Io a Kirsten Dunst avrei fatto lo chignon. Più pratico»

4) I ritardatari

Avverti fruscii sospetti e sai che sono loro. Non li vedi perché il loro volto è nascosto da una luce accecante. Non è un incontro ravvicinato del terzo tipo, ma il classico rompiballe con la torcia del cellulare che pensa che la sala equivalga al divano di casa. Di conseguenza arriva quando gli pare, spargendo popcorn sul suo cammino manco fosse Gretel.

5) L’incontinente

Evidentemente da piccolo nessuno gli ha insegnato che è d’uopo fare i propri bisogni prima d’uscire. Perciò, puntuale come un orologio svizzero, si alzerà nel momento culminante proiettando la sagoma della sua testa da incontinente.

6) I gruppi di amici

Se non sono almeno in quindici non si può andare al cinema. Occupano due file manco fossimo a un sit-in e ridono fragorosamente. Ma non era più comodo vedersi a cena fuori?

7) Il sensibile

Si commuove anche alla visione di un cine-panettone, rendendoti partecipe del suono delle sue secrezioni nasali.

8) Il "silenziatore"

Chi intima la pace e l’armonia con il suo “Shhhhhh” facendo in realtà più casino della combo gruppo di amici + bambino posseduto.

9) Chi spoilera

Credo esista uno specifico girone dell’inferno per questa categoria di persone. All’inizio del film ti rivela con noncuranza come andrà a finire, mandando in fumo gli 8.50 euro del biglietto. Impossibile godersi la visione dal momento che passerai il resto del film a immaginare per lui le peggiori torture.

Se non odi questo tipo di categorie ho una brutta notizia per te: sei uno di loro. Scommetto che adesso l'opzione pizza + film in streaming vi alletta parecchio...

 

di Irene Caltabiano

 
 
 
 
loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi