Viabilità 2.0: rotatorie "autogestite", slot e zero semafori

«Il problema di Palermo è il traffico» recita la celebre battuta del film Johnny Stecchino.
E se i semafori sono sempre stati la soluzione, allora è tempo di cambiare. E non solo nella capitale siciliana. 
I regolatori automatici della viabilità , secondo una recente ricerca inglese, sono complici dell’inquinamento provocato da moto e auto e causano ritardi con perdite fino a circa 21 miliardi di euro ogni anno.
 
L’evoluzione del settore automobilistico sta portando a riformulare non solo design e tecnologia delle macchine, ma di conseguenza, anche tempi e spazi di guida. Le driverless car, ovvero macchine con conducente automatizzato, non avranno bisogno di fermarsi allo stop, ma possiedono un raggio di azione personalizzato.
 
Lo Swiss Institute of technology  e l’Istituto di informatica e telematica del Cnr stanno sperimentando un sistema di viabilità che prende spunto dalla gestione del traffico dei velivoli al’interno dellaeroporto. Si chiama slot e assegna a ciascun aereo parametri spazio-temporali personalizzati; ognuno conosce così precedentemente l’area al’interno della quale si può muovere, eliminando la necessità di fermarsi.
 
Il traffico stradale presenta variabili molto superiori da considerare. Tuttavia la tecnologia potrebbe venirci incontro. Sensori e dispositivi già presenti su molte autovetture permettono già connessioni reciproche e i sistemi di autopilotaggio sono già in fase di sperimentazione
 
 «Le tecnologie dell’informazione e della comunicazione ed i veicoli a guida autonoma cambieranno il panorama della mobilità 

urbana» spiega Carlo Ratti, direttore del Senseable City Lab del Mit. «E in un futuro molto prossimo, in cui tutte le auto saranno autonome, possiamo immaginarci che i veicoli non avranno più bisogno di fermarsi agli incroci, ma potranno continuare a muoversi senza collisioni».

 
Le rotonde smart  permetterebbero di controllare la velocità dei veicoli in modo che ogni auto raggiunga l’incrocio in corrispondenza dello slot assegnato. In tal modo ci sarebbe una divisione previa dello spazio di mobilità, senza accavallamenti nè invasioni di campo. Si raddoppierebbe il volume di traffico gestibile, evitando code e garantendo maggiore sicurezza.
 
E, aggiungo,  inquinamento acustico dovuto ai clacson.
 
Irene Caltabiano
 
Leggi anche:
 
Iscriviti al canale YouTube >>
 
 

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi