Settembre, ecco la lista di cose che (non) faremo

Sarà che conserviamo ancora il trauma da inizio anno scolastico, anche se la pubertà è finita da anni.
 

 Sarà che il mare d'inverno è un concetto che nessuno mai considera. O forse che, gli ultimi giorni d'agosto, ci prende quell'ansietta dall' aver rimandato fino all'ultimo la mole di cose da fare, sperando che un novello Cesare inventasse l'agosto-bis.

In questo periodo, forse per evitare il pensiero del ritorno alla routine quotidiana e alle classiche rotture di balle, riempiamo lavagnette e cervello di buoni propositi ( probabilmente, gli stessi che ripescheremo a Capodanno) .Perciò scopriamo gli altarini e non nutriamo false speranze. Ecco cosa, ancora una volta, ci illuderemo di fare.

Andare all'Ikea
 

L'Ikea non è un negozio ma uno status. Andarci significa aver messo la testa a posto e aver scelto igiene e parvenza di una vita normale vs degrado e nuovi eco-sistemi nel frigo. Perciò, imbottiti di senso di colpa inculcati dalla mother durante le vacanze, dilapidiamo lo stipendio in libreria, divano letto, fermalibri, pelapatate, lampade, asciuga-insalata. Risultato? Una pila di pezzi di compensato accanto alla vecchia brandina dalle molle cigolanti e l'asciuga insalata digievoluto in porta frutta.

Diventare ricchi
 

Vi  siete imbucati all'incontro con Zuckerberg alla Luiss e siete convinti che, se ce l'ha fatta lui, anche voi potete inventare il nuovo Facebook. Basta solo mettersi di fronte al pc e attendere un'idea geniale. Mmm, quasi quasi nel frattempo, vedo se c'è qualche notifica...( e qui si va al punto successivo).

Disintossicarsi dai social

Basta con le mail di lavoro, il cellulare continuamente tra le mani, la dipendenza da Instagram e Whatsapp. E poi entriamo nel panico quando non troviamo lo smartphone dentro la borsa e mettiamo like a ogni accenno di foto del mare. Ti sei reso conto del problema e hai deciso di darci un taglio e lo comunichi al mondo con un post. Poi immagini scene alla Trainspotting in cui, con le mani legate, vedi Pokèmon ovunque e emoticon che ti scherniscono. E riprendi l'I-Phone per tornare alla realtà.

Dimagrire
 

Se facessero un elenco di bugie universali, questa sarebbe la più quotata. La vacanza in Sicilia ci è decisamente sfuggita di mano, e forse si, quei cinque cannoli erano davvero troppi. Pieni di volontà e adipe andiamo a chiedere orari e corsi della palestra sotto casa. Quasi quasi l'acqua gym con triplo salto carpiato...o lo spin byke con flagellazione assistita... 

Prevedo la fine di quel foglio, ritrovato mesi dopo sepolto sotto pacchi di patatine.

Iscriversi a qualche corso bislacco
 

Groupon alla mano, spulciate i deal nazionali. Corso di burlesque, tango, immersione subacquea...aspetta...Apericena di salumi e formaggi con prosecco e vino (tornare al punto 4).

Queste sono le illusioni più comuni. Forse manca solo smettere di fumare. (Cxxxo, la cenere sul pantalone!)

 

di Irene Caltabiano

 

Potrebbe interessarti anche:


-Iscriviti al canale YouTube-

 

 
loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi