Roma Fringe Festival, la magia del teatro nel cuore della Capitale

Silenzio. 

roma-fringe-festivalLa splendida cornice di Villa Mercede. I palchi montati tra le fronde degli alberi, a simulare un non luogo, un’atmosfera densa dove tutto può accadere. Sembra quasi di non trovarsi nel cuore di Roma, a due passi dal movimentato quartiere universitario di San Lorenzo.

Il Roma Fringe festival è giunto quest’anno alla settima edizione ed è un appuntamento imperdibile per gli amanti del teatro indipendente. Un’invasione di talenti, di stili, di prospettive di un’arte tanto antica quanto “trasformista”, che non smette mai di rinnovarsi. 

Dramma, comicità, stand up comedy, riadattamenti di grandi classici per un totale di otto spettacoli a sera,messi in scena per tre giorni di seguito ad orari diversi. Un’iniziativa che accompagna dolcemente verso la fine dell’estate; le danze sono state aperte il 17 settembre mentre la serata finale è prevista il 23, con relativa premiazione.

roma-fringe-festival-2

Ad ogni performance ( ogni pièce costa sei euro) il pubblico è invitato a esprimere il proprio giudizio con un voto che va da uno a quattro. La giuria invece potrà valutare secondo parametri più approfonditi quali regia, recitazione e drammaturgia.

L’entusiasmo dei giovani artisti è pervasivo. All’ingresso vedi già attori in costume, personaggi in cerca di pubblico che ti propongono  con fervore la visione degli spettacoli successivi. 

Impossibile non ritrovarsi attorniati da un turbinio di colori, che ti fa subito venir voglia di tornare il giorno dopo…e quello dopo ancora. Un’atmosfera che ha persino un'eco internazionale: il Roma Fringe Festival prende infatti le fila dal suo gemello di Edimburgo, una delle maggiori kermesse artistiche del mondo.

 

Le luci si abbassano e si entra nel vivo delle rappresentazioni alle 19.30, ma già dalle 18.30 si può sorseggiare una fresca birra nelle due aree bar o passeggiare lungo il mercatino vintage. Peraltro il Fringe non è solo teatro, ma da quest’anno include anche il cinema, nella spettacolare Movie Fringe Arena; uno spazio dedicato al grande schermo, una raffinata serie di pellicole che vanno dalle più recenti alle vere e proprie chicche, con tanto di ospiti ed eventi speciali.

«Quest'anno siamo riusciti a fare una selezione di spettacoli in cui circa il 90% è costituito da nuove drammaturgie» ha dichiarato il direttore artistico Davide Ambrogi. «Testi che, dal taglio civile, ironico o poetico, affrontano la contemporaneità, l'attualità con un occhio particolare alla società dei "social" e dell'immagine, ma anche storie vere, dal terremoto alla Palestina, passando a delle interessanti analisi generazionali, con madri e padri a confronto» .

prove-aperte-3Giovani promesse del teatro si alternano ad “artisti più navigati”. Da segnalare ad esempio la presenza di Max Mazzotta (l’Enrico Fiabeschi di Paz) nello spettacolo Prove Aperte.

Un evento per tutti i gusti che sicuramente ci accompagnerà fino al 2019 nella stessa suggestiva location, grazie all’affidamento triennale nel municipio due di Roma. Un “premio di riconoscimento” per l’ottimo lavoro fatto, già apprezzato sul piano nazionale e internazionale.

Un coacervo di nuove proposte che sicuramente non vi lascerà insoddisfatti. Che si apra il sipario e lo spettacolo abbia inizio. 

irene-caltabiano

 

di Irene Caltabiano

 
 
 
loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi