Perchè l'emotività vincerà sempre sul raziocinio nelle scelte

Sliding doors

sliding- doorsRicordate il film anni ‘90 con Gwyneth Paltrow, in cui il destino di una ragazza veniva deciso dall'aver preso o meno una determinata corsa di metro?

Il classico che succederebbe se. Che succederebbe se stamattina avessi preso l’autobus piuttosto che il treno? Se avessi accettato quel posto di lavoro? Se fossi nato in un altro Paese? Se quella persona fosse ancora viva?

Il gioco dei se, coacervo di tutte le storie, inizio di ogni narrazione. Tuttavia, per quanto film, racconti, libri esistano per darci possibilità di vivere vite diverse dalla nostra, purtroppo o per fortuna fino a questo momento ci è concesso di vivere una sola esistenza.

E quest' ultima ci pone continuamente di fronte a chi scegliamo di essere.

Cuore vs cervello, l'eterna diatriba

cuore e cervelloVi rivelerò un segreto: una scelta, per quanto pensiamo possa essere così, non viene mai dettata dalla razionalità.

Anche se tutto il raziocinio del mondo vi portasse a restare fermi nella vostra comfort zone, fisica o emotiva, se il cuore urla che è tempo di cambiare la sua voce finirà per imporsi.

Proprio per questo motivo non esiste una decisione giusta, ma solo una decisione, che può essere più o meno complicata.  

Finchè si tratta di scegliere tra thè e caffè,  andare in palestra o meno, uscire o non uscire un sabato sera tutto risulta ancora abbastanza semplice.

Ma il gioco si fa più duro quando si deve decidere se confessare o meno una bugia scomoda. Se lasciare un vecchio amore per uno nuovo. Se trasferirsi in un’altra città per inseguire il proprio sogno, lasciandosi alle spalle famiglia e amici e partendo soli all'avventura. 

Integrità

ragazzaCiò che ci farà sentir bene sarà essere sempre coerenti con noi stessi.

La decisione più saggia sarà quella che ci darà pace, che andrà a braccetto con le nostre coscienze e ci consentirà di rimanere in linea con la nostra essenza.

Aver scelto la giusta direzione pervaderà  il nostro corpo con un senso di pace: avvertiremo in quel preciso istante l' equilibrio tra mente e cuore.

La maggior parte delle volte si tratta di abbattere il confine con la paura di fallire, di sbagliare e diventare artefici del nostro cammino.

La felicità è un percorso, una porta che apre numerosi cammini.

 

di Irene Caltabiano

 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

 

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi

Contattaci