Embrace, il bracciale italiano che protegge dagli attacchi di epilessia (e conquista gli USA)

Monitorare pazienti affetti da epilessia?

embrace-1Si può fare. Grazie ad un orologio smart ideato da Empatica, azienda dell’imprenditore italiano Matteo Lai.

Approvato dalla Food and Drug Administration, l’ente che regola prodotti alimentari e farmaceutici negli USA, Embrace è il primo dispositivo del genere che viene approvato in campo neurologico.

Non solo infatti milioni di pazienti possiedono uno strumento affidabile per monitorare la propria condizione, ma è anche una rivoluzione per dottori e aziende che si occupano di studiare e testare nuove terapie.

L'esperimento

embrace-1Il braccialetto è stato brevettato durante uno studio clinico che ha coinvolto 135 pazienti epilettici che hanno indossato Embrace per 272 giorni. Risultato?Il dispositivo è in grado di rilevare il 100% delle crisi epilettiche.

 

«Abbiamo aspettato a lungo: sono passati tre anni da quando abbiamo cominciato i primi studi clinici, e diciotto mesi col processo di approvazione. C’è voluta un’enormità di lavoro (e 1500 pagine di dossier finale!)» die Lai. 

Tecnologia e design

embrace-9Empatica sviluppa e produce i più piccoli e precisi wearable device al mondo, per il rilevamento di segnali fisiologici nella vita quotidiana. 

Embrace monitora infatti l’attività del sistema nervoso, rileva parametri, elabora dati grazie all’intelligenza artificiale e avvisa gli operatori sanitari via smartphone, in caso di crisi epilettiche o neurologiche. Lanciato nel 2015, è disponibile sul mercato dal 2016.

I dispositivi medici sono generalmente abbastanza ingombranti e scomodi: la gente spesso fa persino fatica ad indossarli. «Con Embrace abbiamo voluto intraprendere una strada diversa. Sviluppare il primo dispositivo medico al mondo in grado di vincere un premio di design, pur essendo utilizzato come prodotto salvavita»

Lai è inoltre tra gli imprenditori ad alto potenziale supportati da Endeavor Italia. Ma afferma con fermezza. «Non credete alle storie di successo facili, sono favole. Bisogna essere molto, molto determinati. Ed essere disposti a spaccarsi la schiena e fare molti sacrifici per un bel po’ di anni».

irene-caltabiano

di Irene Caltabiano

 

 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi