Double face, dagli USA il risparmio sulla bolletta in estate e inverno

Caldi d'inverno, freschi d'estate

double-faceDopo i tessuti prodotti dalla polvere di marmo, i foulard derivati dalle arance e le scarpe in fibra di ananas, l'evoluzione  del fashion hi-tech non si arresta.

Un gruppo di ricercatori della Stanford University sta sviluppando un tessuto double face, che non solo ci proteggerebbe contemporaneamente dal caldo e dal freddo ma permetterebbe, più in là, di risparmiare spazio (meno vestiti) e soldi (minori spese di riscaldamento e condizionatore).

Tutto è partito da Yu Cui, professore di ingegneria e Scienze naturali, e dalla sua passione per l’efficienza energetica. L’accademico si è chiesto : «Perché anziché riscaldare o raffreddare gli ambienti non si rendono le persone capaci di resistere a un più ampio range di temperature?»

I cappotti 2.0

piuminoTutti sappiamo che per avvetire calore abbiamo bisogno di intrappolarlo nel nostro corpo immagazzinandolo e isolandoci dal freddo dell'ambiente esterno. Si deve impedire alla radiazione infrarossa che produciamo di disperdersi all'esterno.

Infatti, quando sentiamo molto freddo, iniziamo a tremare perché i nostri muscoli cercano di produrre energia radiante. Allo stesso modo, nel momento in cui avvertiamo eccessivo calore, il nostro corpo si libera attraverso il sudore.

Per raffreddarci  occorre dunque permettere alla stessa radiazione di disperdersi nell’ambiente. Si chiama raffreddamento passivo ed è il metodo su cui ultimamente si sta puntando maggiormente, per controllare la temperatura senza troppo dispendio di energia, diventata ormai un bene prezioso.

Com'è fatto

tessuto-2Il nuovo tessuto inventato dal team di Cui permetterebbe dunque di raffreddare e mantenere contemporaneamente il calore. L’ispirazione è venuta a un membro del team durante un convegno a Minneapolis. «Avevo una valigia piena di cappotti. Non potevo semplicemente possederne uno che mi potesse servire in un' affollata sala conferenze tanto quanto per strada, sotto lo zero?»

 

Si parte da uno strato di polietilene, una plastica molto comune, bucherellata con numerosi forellini, che permettono alla radiazione infrarossa prodotta naturalmente dal corpo di passare all'esterno.

All’interno del polietilene vengono messi altri due sottili straterelli, uno di particelle di carbonio e l’altro di rame. Nel primo caso, se lo strato di carbonio è rivolto verso l’esterno, rilascia calore, mantenendoci al fresco. Se invece ad essere più vicino alla pelle è lo strato di rame, quest’ultimo intrappola il calore e riscalda la pelle nei giorni freddi.  

 Buone notizie

condizionatoreSono state raggiunte differenze di temperatura tra il corpo e l’ambiente esterno di 6,5 gradi ma si potrebbe ancora migliorare. Se il tessuto venisse brevettato e messo in commercio si avrebbe un risparmio assicurato: termostati più bassi d’inverno e condizionatori meno accesi d’estate.

Il tessuto in questione, ancora anonimo, dovrebbe essere disponibile per le tasche di tutti. Ultimo step? Renderlo adatto al lavaggio.

Un business, quello dei tessuti alternativi, sempre più remunerativo e diffuso. Piccoli passi per grandi risultati.

irene-caltabiano

di Irene Caltabiano

 

 

 
 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

 

 

 

 

 

loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi