Cerchi un lavoro che ti riempia la vita? Scegli il no profit

La nascita di nuove imprese sociali no profit ha cambiato il mondo del lavoro. Queste  imprese, fortemente presenti sul territorio nazionale, offrono molti posti di lavoro anche ben retribuiti.
 
Dall’indagine svolta dall’’Isfol  (Istituto per lo sviluppo della Formazione dei Lavoratori) condotta per conto del Ministero del Lavoro delle Politiche Sociali è emerso che  le figure professionali di cui hanno maggiormente bisogno le imprese non profit sono: educatori professionali, operatori sociosanitari, figure tecniche delle mediazione sociale ed interculturale, psicologi e assistenti sociali.
 
Il no profit comprende anche quelle imprese sociali e Ong Internazionali come Save the Children, Action Aid e Msf.
Queste organizzazioni hanno offerto circa  1 milione di posti di lavoro e sono alla continua ricerca di nuove posizioni.
 In particolare, la più richiesta in assoluto è quella del Fundraiser.
Fund raising letteralmente significa “raccolta fondi” e Il Fundraiser è colui che si occupa di questa raccolta necessaria a sostenere un'azione senza finalità di lucro.
 
Bellissima professione! se si considera che è connotata da molta creatività e comunicazione. Difatti, il Fundraiser  crea “Investimento sociale”, cerca partner per poter portare avanti “buone cause” e altri progetti a sfondo sociale. I partners in particolare sono sia “ donatori individuali” che aziende.
Egli, inoltre pianifica gli obiettivi della propria “Missione”, gestisce i budget, organizza eventi importanti e campagne sociali.
Ma chi può diventare Fundraiser?
Certamente i freschi laureati in materie umanistiche con doti di comunicazione, ma anche coloro che provengono dal settore For Profit esperti in comunicazione, marketing e vendite che intendono cambiare la loro prospettiva di vita.  
 
Simona
 
 

Seguici su