"Stanziarsi" a Milano: vademecum per l'alloggio perfetto

M’hann faa sù!

Così recita il milanese a cui l’han fatta sotto il naso. Per quanto riguarda gli affitti, purtroppo la bela Madunina è la più cara d’Italia e non sempre è facile muoversi, se si cerca una stanza.

 È necessario, quindi, informarsi preventivamente sul tipo di appartamento desiderato (logistica, utenze…) per evitare di fare la figura del pirla. Milano è sterminata, così come il popolo dei fuorisede. Bisogna perciò individuare la zona più adatta alle proprie esigenze. Vediamo cosa riserva la capitale del glamour fra una sfilata di moda e un party esclusivo.
 
 
  1. Isola: situata nell’area nord di Milano, nonché sede di cinque facoltà scientifiche, è diventata negli ultimi anni uno dei quartieri più in voga fra artisti e studenti. Ideale per chi desidera abitare in un quartiere vivace e respirare “ l’aria del creativo”; i  prezzi oscillano tra 200 e 700 euro per singola (nel primo caso, però, preparatevi a un tugurio). Appartamenti, palazzi liberty e Unicredit Tower (il grattacielo più alto d’Italia) convivono pacificamente in una zona che si muove fra storia e modernismo. 
  2. Duomo e Brera: centro lavorativo, religioso e culturale del capoluogo, vanta  attrazioni come la Galleria Vittorio Emanuele, Palazzo Reale, il Teatro della Scala, il Castello Sforzesco, la Pinacoteca di Brera nonchè la sede dell’Accademia di Belle Arti. Très chic si, ma praticamente off limits per chi ha un budget mensile inferiore al migliaio di euro. Il costo di una singola, infatti va da un minimo di 300 a un massimo di 900 euro.
  3. Zona Tortona: una vecchia area industriale trasformata in uno dei quartieri più frequentati della città, soprattutto dagli aspiranti designer. Situata nella parte sud-ovest di Milano, compresa tra il Naviglio e via Solari e racchiusa tra Sant’Agostino e l’inizio di Porta Genova, è location del Fuori Salone. È la soluzione ideale per chi vuole vivere vicino al centro, ma senza essere vittima del via vai continuo. Anche qui i prezzi non sono certo abbordabili (minimo 350 euro).
  4. Via Padova: il cuore della Milano multietnica. Qui, una persona su dieci è straniera, in barba a tutti i Salvini. Sconsigliata alle famiglie, pullula invece di giovani alla ricerca di un posto che non li costringa a pane e sogni per il resto del mese. Muovendosi per tempo si possono trovare singole a partire da 250 euro al mese.
  5. Bovisa: quartiere popolare di stampo operaio, negli ultimi anni ha registrato un forte sviluppo residenziale, forse anche grazie alla sede distaccata del Politecnico. Questo ospita infatti le Scuole di Architettura e di Design, i corsi della Scuola di Ingegneria Industriale e dell’Informazione e, dal 2006, anche la Triennale Bovisa. La zona sta subendo un progressivo incremento degli affitti, che comunque rimangono relativamente bassi (450 euro tutto incluso per una singola).
  6. Washington San Siro: se siete inguaribili trend-setter o tifosi sfegatati, questo è il vostro habitat. Il quartiere è il punto focale dello shopping cittadino, situato fra Via Magenta, corso Vercelli e via Belfiore. Sede di uno degli stadi più grandi d’Italia, i prezzi degli affitti sono molto alti e il gioco non vale la candela, anche in relazione alla copertura della metropolitana. Le sole fermate disponibili sono  Pagano  e Wagner … una singola però arriva a costare 600 euro
  7. Porta Romana: invasa dai “bocconiani” in quanto sede dell’illustre università, è popolata da studenti, come pure ristoranti e attrattive varie. Forse anche per il target a cui è indirizzata, le stanze sono lussuose e costose, soprattutto intorno via Montenero. Il prezzo minimo di una stanza si aggira intorno ai 500 euro.
Hai trovato utili le nostre informazioni? Il prossimo martedì ti spiegheremo come affrontare – con successo – il mondo dei contratti!
 
 
Vi auguro di non trovare coinquilini così... guarda il video!
 

Guarda anche i nostri consigli sugli affitti a Roma: