E presente in tutto il mondo tranne in Italia, perché?

Perché le caffetterie Starbuks non sono presenti in Italia?

Per chi non lo sapesse Starbucks è una grande catena internazionale di grande successo di caffetterie che offre ai propri clienti caffé, dessert e prodotti di pasticceria. Negli USA è considerato come luogo di ritrovo per i giovani, soprattutto se studenti o abitanti nelle grosse metropoli.

Chi viaggia, come me, ha potuto notare che questa catena è presente sui vari territori del mondo in modo minuzioso, al punto da incontrarne uno ogni 500 metri e sono tutti pieni!

Nonostante l’idea di queste caffetterie arrivò da Howard Schultz, storico amministratore delegato, riconosciuto ormai come il vero fondatore della famosa catena, in occasione di un suo viaggio a Milano nel 1983, durante il quale apprezzò l'autenticità della caffetteria italiana, decidendo così di portare in America tale autenticità, in Italia tale catena è assente. Ma qual è il motivo?

Questione di stile

Se, difatti consideriamo che solo nel 2012 si contavano 19.435 Starbucks in tutto il mondo, di cui 12.781 nella madrepatria, e che attualmente Starbucks è presente in 58 Paesi tra cui l'Europa (soprattutto nelle grandi metropoli come Parigi, Madrid , Berlino o Londra, ma anche in molti centri minori), ci sembra strano che in Italia non ce ne sia neanche uno.

Il motivo è che Howard Schultz, presidente e AD della società, ha infatti sempre ritenuto che l'immagine di una caffetteria come Starbucks, che pure trae ispirazione dal modello sociale e commerciale dei caffè italiani, in Italia non funzionerebbe, dal momento che «agli italiani non piacciono le tazze di plastica, poiché essi non considerano neanche la possibilità di prendere il caffè fuori dal bar, bevendoselo mentre camminano o guidano».

Forse siamo troppo esigenti, ma per noi il caffè è un cosa seria!

La domanda è: "ce la farà il colosso ad entrare anche in Italia e vincere come ha fatto Mac Donald?”

Da recenti notizie provenienti dai media, pare che nell'ottobre 2015, Starbucks starebbe trattando con l'imprenditore Antonio Percassi per uno sbarco della catena nel 2016.

Simona

leggi anche

Seguici sul nostro canale Youtube