Sedurre ai tempi di Whatsapp

Un apostrofo blu fra le parole off e online

Dimenticatevi i fiori, le ore attaccate al cellulare a torturarsi nel dilemma del chiama non chiama, le cene fuori e le città al tramonto. A meno che non siano foto su Instagram.

Oggi ci sono le cinquanta sfumature di grigio, di verde e le recentissime blu, e l’amore è una questione di connessioni…internet.  Storie che hanno come colonna sonora il suono di ricezione di un nuovo messaggio, il brivido della notifica e il bip dell’aggiornamento.
 
Stiamo parlando dell’amore ai tempi di Whatsapp . Chi pensava di fare il figo con Facebook  postando come proprie le frasi di Jim Morrison, è già un passo indietro. Le nuove generazioni perdono ancora meno tempo per capire se una ragazza/ragazzo è papabile o meno. 
 
Lungi da me fare un’analisi sociologica sul perché le nuove generazioni “ whatsappino” e “tinderino” ( termini realmente ascoltati, con grande gioia dell’Accademia della Crusca), è un dato di fatto che la seduzione , negli ultimi cinque anni, sia passata velocemente da smartphone a smartphone.
 
Non è azzardato dire che esiste un folto sottobosco popolato da guru della seduzione che dispensano i loro fondamentali consigli perché la tipa/il  tipo di turno cadano stregati ai vostri piedi. Ecco allora una raccolta dei suggerimenti più esilaranti raccolti da autorità come Rimorchiadonne.it o Ioconquisto. Chissà perché quasi sempre rivolti al sesso maschile. Si apra dunque la stagione della caccia.
 
Non ti aspettare che lei risponda subito: per non far la figura del  gatto che attende il croccantino, distraiti. Mangia un panino o sparati l’ultima puntata di Breaking bad. Medita, leggi la Bibbia. Al termine di tutto questo potrebbero arrivare le tante agognate spunte blu.
 
 
Non tuffarti a scrivere subito dopo una sua risposta: spacciarsi per un uomo impegnato. Sempre e comunque. L’approccio vincente potrebbe essere il rispondere un’oretta dopo con uno  “scusa stavo portando fuori il mio cagnolino” o “stavo facendo il babysitter a mia nipote”. La ragazza potrebbe rimanere impressionata di fronte a tale istinto di paternità. Mentre in realtà hai già finito la puntata successiva di Breaking bad.
 
Non chiedere di uscire al primo messaggio:  nella mente della ragazza di turno potrebbero passare immagini che variano da Brad Pitt a Jack lo squartatore. Cerca di conquistare la sua fiducia, altrimenti al 90% sarà un’uscita a tre (tu, lei e l’amica che si è portata per evitare di essere sgozzata).
 
Scrivi qualcosa di carino ogni tanto: una cosa che sia possibilmente esclusiva della vostra relazione. Mai incorrere nelle gravissime trappole dei banali “sei stupenda” o “il cielo stanotte piange perché ha perso la sua stella più luminosa”. Quello che otterrete sarà al massimo una stella..cadente.
 
Usare ogni tanto anche la voce: se decide, tra una lezione di pilates, il lavoro, il corso di teatro e i massaggi shiatsu, di trovare un po’ di tempo anche per te e mostrarti maggiore interesse  di quello che riserva a un tagliaunghie, potresti anche provare a chiamarla per un’uscita a tête-à-tête (tanto tutti i piani tariffari ormai hanno i minuti gratis).
 
Fare i simpatici, firtare: questo riguarda una fase successiva al primo corteggiamento, cioè la conversazione Whatsapp post primo incontro. Puntare sulle cose che ci si è detti o che sono successe durante la vostra uscita. Come quel pezzo di prezzemolo fra i denti o la leggerezza del kebab che hai scelto di mangiare giusto a fine serata (chiediti perché, una volta davanti all’uscio, lei sia scappata di fronte all’imminente pericolo di un tuo bacio).
Si consiglia di farcire i messaggi con qualche emoticon con le scocchette rosse e qualche bacetto ben dosato.
 
Evitare di fare gli Sherlock Holmes del digitale: cioè non entrare in crisi e cominciare a valutare tutte le possibili ipotesi di reato nel caso lei risulti online e non legga le vostre avances. Keep calm.  Se invece dopo un giorno è già entrata e uscita cento volte dalla chat come lo fa dalla porta della sua stanza, è un segnale implicito del “gentil rifiuto.” Elementare Watson.
 
Parlare di te: niente scioglie una donna più del fatto che il maschio alfa si confidi con lei e sveli il suo lato sensibile. L’importante è non sciorinare, soprattutto su Whatsapp,  la lista dei tuoi traumi. Il sogno svanirebbe nell’arco di tempo di una spunta grigia mai evolutasi in blu cobalto.
 
In conclusione: sarà vero che adottare queste tecniche serva nella conquista dell’esemplare femmina? O bastano ancora una serenata e una scatola di cioccolatini? Io nel dubbio proverei. Forse non siamo  poi ancora così digitalmente evolute.
 
 
Ed ora..i drammi di Whatsapp visti da Enrico Brignano!

 
 
Se ti è piaciuto l'articolo leggi anche: