Sanremo…non il festival, non gli assenteisti…ma i look

Non ho mai avuto una particolare simpatia per il Festival di Sanremo, penso non tanto per le canzoni che vengono proposte, quanto per i look che le varie star hanno sfoggiato da trent’anni a questa parte. Credo che sentire, da bambina, le opinione di una mamma sarta che dice “ma cosa hanno messo addosso a questa stasera?” avesse piuttosto influito sulla mia psiche e su quelli che sono i miei gusti estetici attuali.
 
Ne vogliamo parlare saltando di anno in anno e di palo in frasca? 
Ce n’è davvero di tutti i colori, nel vero senso del termine
 
1987: ROMINA POWER
Ok, Romina è incinta. Ok, sono gli anni ’80 e facciamo passare quindi anche i colori fluo. Ma le forme…questo copri divano va ad appiattire e nascondere tutte le curve di una pre-mamma.
 
1991: SABRINA SALERNO E JO SQUILLO
Mitiche! Hanno scambiato il palco dell’Ariston con la spiaggia ligure. Il reggiseno? 
Ma no, quel giorno una si sentiva come una che si chiamava Janis Joplin e l’altra un po’ Wonder Woman. 
 
1997: I JALISSE
Ragazzi, non potete non ricordare la meteora Jalisse…oltre ai “Fiumi di parole”. Vanno ricordati come minimo per il brano che è rimasto nel nostro immaginario collettivo. Riguardo la mise, non me la sento di muovere critiche basate solo su gusti personali.
 
1998: PAOLA E CHIARA
Prima di arrivare a sculettare sensualmente sulla spiaggia di Rio de Janeiro cantando “Festival”, sono passate per il palco dell’Ariston vestite Rainbow Grunge.
 
2000: MARIELLA NAVA
Come pretendere di emulare il tanga ben visibile di Anna Oxa? Bisogna saper riconoscere i propri limiti ed Amedeo Minghi sembrerebbe più imbarazzato che mai.
 

2003: SYRIA
Tuta da Aladino, sneakers, polsini da tennis intesi come bracciali di spugna ed orchidee tra i capelli…
tanta roba ragazzi!
 
2005: MARCELLA BELLA
Marcella ha optato un po’ per lo stile “primo concerto della vita” in cui ci si va con la t-shirt del gruppo che si va ad ascoltare. Lei pare esser stata ancor più autoreferenziale…”Uomo Bastardo”, il titolo del brano presentato quell’anno a Sanremo.
 
2007: LEDA BATTISTI
Un’altra meteora…forse inciampata tra i vari drappi bianchi che le scendevano dal fianco destro. Per non parlare della calza nera 50 DEN sotto una mise estiva, bianca.
 
2009: IVA ZANICCHI

Vabè che non mi è mai stata simpatica, a prescindere dal  suo occhio inquietante che guarda tutti con fare minaccioso.
 
2010: IRENE GRANDI
Calza pesante o leggings leggero sotto la minigonna? Le scarpe invernali la costumista le aveva finite? Oppure Irene aveva i peli alle gambe, comunque accorciate dal taglio netto altezza caviglia.
 
2011: GIUSY FERRERI
Non ho parole…diciamo che la qualità delle canzoni del Festival è direttamente proporzionale alla qualità del diploma delle costumiste.
 

2014: NOEMI
Un parallelepipedo rivestito di tendaggi Rococò. Il capello però resta quello senza il quale al Villaggio Globale non si poteva entrare. Il cane dove l’aveva lasciato?
 
Il Vincitore?
Il look più bello, sensuale, accattivante e stravolgente dell’intera città di Sanremo (Festival a parte) ce l’ha lui
 
(Youtuber per caso)
 
 
 

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi