Quali sono i paesi con gli stipendi più alti?

Quali sono i motivi per i quali gli stipendi in Italia sono più bassi?
Primo tra questi è certamente l’asfissiante sistema di imposte sul reddito. Sappiamo, infatti, che la pressione fiscale sui dipendenti e non in Italia è veramente forte. Aggiungiamo tutta la serie di tasse nascoste che spuntano da non si sa dove e per quale motivo. Altra ragione è certamente che gli altri paesi sono economicamente più solidi dell’Italia. 
 
E allora che fare per guadagnare di più? Certamente trasferirsi all’estero! Ma dove? In Europa no! 
 
Ce lo dice un articolo di “Metallirari” che prendendo spunto da un’indagine inglese ha stilato una classifica basata sul rapporto tra guadagno e lavoro svolto. Riportiamo integralmente qui di seguito la classifica e il perché degli stipendi alti.
 
  1. Singapore - Quasi la metà degli intervistati vive e lavora a Singapore, dichiarando uno stipendio annuo di oltre 200.000 dollari. La maggior parte di loro beneficia di un regime fiscale favorevole e di conseguenza beneficiano di un reddito disponibile più alto. Uno dei principali settori professionali a Singapore è la finanza. La maggior parte degli intervistati percepisce un'economia locale molto forte.
  2. Russia - Più di un terzo di tutti gli intervistati, lavorano in Russia e guadagnano oltre 250.000 dollari all'anno. La motivazione principale degli emigrati in Russia è costituita dagli alti stipendi e dalle ottime possibilità di fare carriera. I settori nei quali trovano occupazione sono la finanza e l'immobiliare.
  3. Bermuda - Le Bermuda hanno un numero superiore alla media di professionisti emigrati che guadagnano più di 250.000 dollari all'anno, con oltre tre quarti di tutti gli intervistati che sono impiegati nel settore dei servizi finanziari. Il 96% degli emigrati nelle Bermuda, ha un reddito disponibile più alto rispetto al passato, ma dei costi anch'essi più elevati.
  4. Arabia Saudita e Hong Kong - Chi si è trasferito a lavorare in Arabia Saudita e ad Hong Kong, gode di benefici fiscali che valorizzano significativamente il pacchetto retributivo. Gli emigrati in Arabia guadagnano di più, pagano meno tasse e risparmiano di più. A Hong Kong la situazione è simile con una qualità di vita migliore. Ancora una volta, il settore finanziario assorbe la maggior parte dei professionisti stranieri.
  5. Filippine - È entrata nelle classifiche tra la sorpresa di tutti. Gli emigrati godono la disponibilità di alti redditi e di un livello di vita molto alto.
  6. Svizzera - Come era da attendersi, il settore dei servizi finanziari è il principale datore di lavoro. Pur con una qualità di vita molto alta,  il costo della vita in Svizzera è assai elevato e ciò può avere un impatto negativo sul reddito disponibile.
  7. Emirati Arabi Uniti e USA - Chi lavora negli Emirati ha consistenti benefici fiscali e una retribuzione di tutto rispetto, così come negli Stati Uniti. Tuttavia, chi ha scelto di lavorare negli Stati Uniti, deve sostenere degli alti costi per l'assistenza sanitaria e assicurativa. Nelle interviste emerge che gli Emirati Arabi Uniti hanno visto un declino significativo, a livello economico, negli ultimi 12 mesi.
  8. Qatar - L'83% dei professionisti emigrati in Qatar, lo fa solo per guadagnare più soldi o per avanzare di carriera più velocemente.  È il paese che è in cima alla classifica in termini di numero di emigrati in grado di risparmiare ed investire molto più di quando vivevano nel loro paese natale.
Volete rifarvi una vita all’estero? Stanchi dei soliti problemi?
Prima sarà bene informarsi un po’ sui costi di ogni giorno nella destinazione dei vostri sogni, per fare finalmente un business plan esistenziale che fili. 
Expatistan.com vi permette di vedere il costo della vita in molte città del mondo ed è sempre piuttosto ben aggiornato. Potrete confrontare il costo di cibo (dal ristorante a singoli prodotti da supermercato), casa (affitto, connessione internet, prezzo per una donna delle pulizie…), abbigliamento, trasporti (una macchina propria, la benzina, l’abbonamento ai mezzi pubblici…), cura personale, divertimenti.