L'indice VIX di Wall Street aveva previsto l'attentato?

Cos'è l'indice Vix?

Istituito nel 1992 misura la volatilità dell'indice S&P 500 di Wall Street attraverso le opzioni: in sostanza indica la "violenza" dello spostamento dei prezzi che i mercati si attendono per il prossimo futuro. Più l'indice è alto, maggiore è la paura di un repentino sbalzo della Borsa. Quindi se il Vix sale i mercati scendono nervosamente. Per questo si chiama "indice della paura".

Wall Street, l’indice della paura avrebbe previsto cinque attentati terroristici
Si racconta che l’indice Vix, che indica la volatilità di Wall Street, schizzi sempre verso l’alto prima di un evento come la strage di Parigi. Lo sostiene Stefano Fugazzi di AbcEconomics, il quale mostra dei grafici che dimostrerebbero questa tesi. Grafici che il Sole 24 Ore riporta fedelmente.
Siamo di fronte alla solita bufala
Attirare i lettori con notizie poco verificate basate solo sulle parole di un singolo soggetto è decisamente poco professionale. Soprattuto se a farlo è Il Sole 24 ore!
 
E' semplicemente una coincidenza
Se ingrandiamo il campo e vediamo questo indice fino a 5 anni indietro, vedremo che alcuni picchi sono stati raggiunti anche senza attentati o guerre. 
 
Di picchi almeno come quello relativo all'attentato di Parigi o di Charlie-Hebdo ne vediamo 14, di questi solo due sarebbero da collegarsi ad eventi tragici. 2 su 14 sono pura casualità.
 
Giornalismo acchiappaclick
Viviamo in un epoca in cui le notizie si fanno sui Social Network. Ma la responsabilità di alcuni editori di serie A è quella di fare una corretta informazione. Di siti come Catenaumana o Informare x Resistere che sono nella Black list del giornalismo italiano ne abbiamo già abbastanza. 
 
 
leggi anche 

 

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi