LEAGUE OF LEGENDS: MONDIALI ALLE PORTE

Partirà il primo ottobre la fase a gironi dei mondiali di League of Legends, quello che con un miliardo e cinquecento milioni di ore giocate ogni anno (e la cifra è in costante crescita) è diventato il gioco online più giocato della storia. Solo per avere un’idea della portata del fenomeno, si contano oltre 70 milioni di utenti nel mondo, con un numero di accessi giornalieri che nel 2013 ha superato Instagram di oltre 4 milioni. La competizione si svolgerà in diverse tappe europee e riempirà gli stadi e gli auditorium di Parigi e Bruxelles, passerà per Wembley e si concluderà la notte di Halloween al Mercedes-Benz Arena di Berlino. La squadra vincitrice si aggiudicherà un milione di dollari per un montepremi totale che supera i due milioni. A sfidarsi saranno ragazzi di tutto il mondo, veri professionisti dei videogame abituati ad allenarsi anche per più di otto ore al giorno.

 
 
 
Ma cos’è League of Legends e com’è diventato un fenomeno globale?
 
Lol è un MOBA (Multiplayer Online Battle Arena), un gioco a squadre in cui due team si affrontano su una mappa allo scopo di distruggere la base avversaria. Il gioco, che nella scorsa primavera è stato accusato da un reportage di Pablo Trincia su Servizio Pubblico di creare dipendenza, negli Stati Uniti è stato riconosciuto sport professionistico dopo un processo lungo e travagliato. Intorno al mondo di League of Legends corre un giro d’affari di milioni di dollari, con sponsor del calibro di Coca-Cola, Samsung e BenQ. 
 
Il segreto del suo successo è condensato in un mix di caratteristiche: il gioco è un free-to-play completamente gratuito e meritocratico, poiché gli unici acquisti consentiti riguardano una serie di migliorie grafiche che non permettono a chi spende di più di superare gli altri; è in costante aggiornamento, con lo sviluppatore Riot che riesce a monitorare e sfruttare continuamente i consigli della community; dosa perfettamente la componente strategica con l’adrenalina di una competizione basata sull’azione. Essenziali sono poi le iniziative di contorno, che hanno l’obiettivo di coinvolgere sempre di più gli appassionati. Parliamo di fumetti, gadget e video dalla qualità hollywoodiana, senza considerare le migliaia di youtuber che continuano a macinare visualizzazioni e fanno dei canali tematici sul gioco la propria professione.
 
 
 

Seguici su