Yolocaust: niente foto nei luoghi della Shoah

Non si tratta di essere bigotti.

yolocaust1Ma i salti, le smorfie, le effusioni in un sito di (tragica) importanza storica, sono inopportune. Figuriamoci se si tratta di un posto simbolo della Shoah. 

Shahak Shapira, artista israeliano, ventotto anni, emigrato a Berlino quando era adolescente, è rimasto negativamente colpito dalla mancanza di sensibilità di tanti avventori al Memoriale dell'Olocausto nella capitale tedesca. Tanto da voler dare una lezione a tutti noi: il progetto Yolocaust (unione dell'espressione Yolo-You only live once e Olocaust). 

Il ragazzo, evidentemente mago di Photoshop, ha prelevato decine di fotografie che ritraggono persone sorridenti, magari mentre fanno yoga o si scattano una fotografia davanti alle 2711 stele sparse in Cora Berliner Strasse. Ha così estrapolato i soggetti dal contesto di origine, ricollocandoli all’interno di scenari raccapriccianti di campi di concentramento, tra prigionieri e cadaveri. Il risultato è abbastanza scioccante.  Tecnicamente l’operazione è stata fatta senza il consenso dei proprietari delle foto, quindi chiunque si sentisse offeso può chiederne la cancellazione all’indirizzo e.mail undoucheme@yolocaust.de.

yolocaust2

yolocaust3

yolocaust4

yolocaust5

 A dimostrazione che le immagini possono valere più di mille parole. 

 

di Irene Caltabiano

 

 

 
 
 
 
 
loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi