Voglio vivere così... alle Canarie!

“Voglio vivere così…col sole in fronte e felice canto, canto per me…”

canarìeMi è venuta in mente la canzone di Claudio Villa, quando giorni fa ripensavo al viaggio che dovevo fare e poi non ho fatto per le Canarie.

Avevo comprato il biglietto aereo e prenotato l’albergo, una vacanza coi fiocchi per riscaldarmi durante l'inverno. Fino a quando per motivi personali dovetti rinunciare.

La cosa non l’ho digerita e ogni tanto nei miei momenti di autolesionismo più acuto ci ripenso. Penso a Tenerife, Gran Canaria e Lanzarote, mete tra le più gettonate che sicuramente avrei visto.

Leggi anche: Tenerife, per i pensionati il paradiso è a portata di mano

Penso a cosa fare e a cosa vedere, a trasferirmi definitivamente.

gran canarìaA trovarmi un lavoro nella ristorazione e nelle strutture ricettive, perché sono luoghi in cui il turismo è un fenomeno ininterrotto.

Penso a spostarmi continuamente, così da poter sfruttare la mia conoscenza dello spagnolo in altri settori interessanti, come: il mercato immobiliare, nelle Tic (tecnologia dell’informazioni o delle telecomunicazioni) o nel settore audiovisivo (film, cortometraggi, spot pubblicitari).

D’altronde, il bacino d’utenza delle Canarie è talmente ampio e variegato che spazia dai cultori del surf, ai nomadi digitali, dai pensionati agli appassionati di trekking dando la possibilità a chi ha delle idee creative di trovare la propria nicchia.

gofioE con quei soldi potrei vivere come un eterno turista, visitando le isole dell’arcipelago per vedere le bellezze di Gran Canaria, un vero e proprio continente in miniatura.

Dove esiste una variegata concentrazione di tutte le caratteristiche naturali della altre isole. Dai paesaggi desertici di Roque Nublo, passando per i boschi esotici fino alle spiagge enormi assaggiando il gofio, tipico piatto locale.

Leggi anche: Lavoro, prossima fermata Barcellona

Dopo essermi saziato lascio la terra per andare sulla luna (sic), ovvero, Lanzarote, l’isola dei 30 vulcani.

lanzaroteTra saline e laghi sotterranei finisco nel centro dell’isola, a La Geria, un paesaggio arido di terra bruna e vulcanica dove spiccano i vigneti con i loro allineamenti geometrici.

Dal centro salgo sul Mirador del Rio, uno dei punti panoramici più belli dove intravedo surfisti cavalcare le onde in un oceano dove mi vorrei tuffare.

Un salto lo farei volentieri a Tenerife, l’isola più grande e popolata, con le sue piscine naturali de Los Gigantes dove si può fare il bagno in un’ acqua calma e trasparente dove potersi rilassare.

Un’esperienza interessante e rinfrescante paragonabile alla varietà musicale riscontrabile solo a Tenerife dove puoi goderti ritmi jazz, rock, blues, fino al flamenco e persino alle isas, il canto tipico delle Canarie in spazi diversissimi tra di loro dove, parafrasando Claudio Villa, puoi cantare felice con il sole in fronte.

marco-lombardi

 

di Marco Lombardi

 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi

Contattaci