Una caldaia che dura 300 anni? Sì, con una pietra speciale...

Dimenticate le esose parcelle dell’idraulico.

zeothermI tedeschi ne sanno una più del diavolo e hanno inventato uno strumento decisamente duraturo per riscaldare l’acqua: la caldaia a zeolite.

Cos’è ?

Un sasso molto poroso che permette di generare calore per ben 30 anni. Il suo nome deriva dall'unione di due parole greche, lithos ( pietra) e zein ( bollire). Una volta scoperta, il collegamento con gli impianti di riscaldamento e produzione di acqua calda è stata immediata. Il risultato è ZEOTHERM, caldaia ibrida commercializzata dalla Vaillant, nota azienda di elettrodomestici. 

Il funzionamento è semplice: la pietra infatti non richiede particolari trattamenti industriali dal momento che basta versarci sopra dell’acqua e sprigiona calore fino a 80 gradi centigradi in pochi secondi. Unica controindicazione? La zeolite non è presente sulla terra in grandi quantità e il metodo di estrazione non è esattamente eco-sostenibile. La Vaillant però ha pensato anche a questo.

 
 

Otto x trecento= materiale perfetto

I ricercatori tedeschi ci hanno messo otto anni, ma sono riusciti a creare una versione sintetica del materiale. Il zeothermcomposto è semplice: silicio e alluminio per piccole sfere bianche, del diametro di circa un millimetro, mix di due energie green.  

Un pannello solare termico raccoglie infatti la luce  e il calore del sole. L’impianto riscalda l’acqua che arriva nell’abitazione  che a sua volta va ad alimentare  la caldaia a zeolite. Si chiude così il cerchio: la magica pietra invierà l’acqua calda a termosifoni, doccia e lavandini.

La caldaia della Vailant arriva a un rendimento delle caldaia  fino al 135%, il 30%  in meno di emissioni di CO2 rispetto alle caldaie tradizionali. 

 

di Irene Caltabiano

 

 
 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi