Stirapp: per lavare e stirare basta un click

La startup che farà felici tutti.  

stirapp1Donne e uomini. Soprattutto perché, in questi giorni di caldo torrido il ferro da stiro è l’ultimo dei nostri pensieri.L’idea è partita da Pierantonio Guiglia e Paolo Gavazza, con una brillante nonché utile idea.

Creare attraverso un’app un servizio per prenotare on line la prestazione di lavatura e stiratura per tutti i capi che si vogliono: camicie, giacche, magliette, pantaloni, lenzuola e chi più ne ha più ne metta.

«La nostra idea nasce dall’osservazione che single e coppie che lavorano tutto il giorno non sempre hanno tempo o voglia di stirare i propri capi, così come non possono permettersi una persona che lo faccia per loro. Oppure non hanno il tempo di portare i vestiti in lavanderia per poi ritirarli. Con Stirapp, invece, basta prenotare tramite la piattaforma e i capi vengono ritirati a domicilio e riconsegnati il giorno seguente o, al massimo, quello successivo».

 

Il servizio è assicurato per lo stiro da stiratrici che lavorano da casa, mentre per il lavaggio da lavanderie di quartiere selezionate e testate, e si avvale di un sistema logistico centralizzato per zone. Nata a Modena, conta già di espandersi in diverse città italiane.

Stirapp, figlia della sharing economy

stirapp-7Un’idea che si è rivelata vincente per tutte le parti in causa: i piccoli operatori che vedono ampliato il proprio giro d’affari e il singolo cittadino che, ad un costo contenuto, ottiene un grande aiuto per un’incombenza quotidiana che di solito è molto più costoso delegare. 

«Il modello, sperimentato a Modena in dieci mesi, ci ha già consentito di estendere Stirapp alle altre città dell’Emilia Romagna, consentendo di puntare ad acquisire quote significative del mercato del lavo e stiro, che in Italia vale circa €2,5 Miliardi all’anno» spiegano i fondatori.

Ad effettuare il serivizio gli Stirapper, uomini e donne selezionati in base alla loro esperienza, che hanno tempo libero da dedicare e magari vogliono integrare le proprie entrate.

Tutti, inoltre, vengono dotati di un equipaggiamento professionale, fornito gratuitamente da Stirapp, in modo da garantire un livello di qualità elevato e costante. Dopo averla scaricata, il cliente deve completare un piccolo form inserendo ora e luogo del ritiro, nonché ora e luogo della riconsegna. 

Normalmente entro 24 ore tutti i capi vengono riconsegnati perfettamente stirati, all’interno di un box personalizzato per i capi che si possono piegare, o attraverso appendini con tanto di imballaggio protettivo per giacche e camicie. 

«Per ora rispondiamo solo alle richieste che provengono dalla città – continuano Paolo e Pierantonio – ma il nostro obiettivo è espanderci presto anche in provincia ». Nei primi dieci mesi di lavoro sono stati oltre 24mila i capi consegnati a 2.500 utenti registrati. Per sostenere Stirapp è stata lanciata anche una campagna su Crowdfundme.

Per ora il servizio è attivo a Modena, città da cui è partito, Rimini, Riccione, Reggio Emilia, Parma, Sassuolo, Maranello, Fiorano, Formigine.  L’obiettivo, se la campagna raggiungerà il successo sperato, è estendere Stirapp anche in altre città e creare partnership con altre imprese locali.

stirapp

di Irene Caltabiano

 

 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi