Siamo il nostro peggior nemico?

Per quanto ci crediamo liberi...

nemico-1 Viviamo in catene e siamo schiavi di noi stessi. Quante volte abbiamo sbattuto la testa sullo stesso punto convinti di aver ragione? Quante volte ce la siamo presa col mondo? E se fossimo il nostro peggior nemico?

Col passare del tempo abbiamo dato vita a convinzioni che ci schiavizzano. Ed ecco che vediamo manifestarsi ansia, nervosismo e tutte le conseguenze di uno stato vitale infettato quando ormai è troppo tardi.

Identificazione

nemico-9Se consideriamo che i pensieri che si fanno in un giorno sono centinaia di migliaia, come ordinarli? Non importa scriverli tutti. Se fate attenzione vi renderete conto che ci sono riflessioni ricorrenti e dominanti, quelle che permangono giorno dopo giorno. Gli stessi che diventano parte integrante della giornata, dello stato vitale e di conseguenza delle azioni. Individuarli è il primo passo da compiere.

Passato, presente, futuro

Gli stoici ci hanno insegnato a vivere l’attimo ma noi continuiamo a rimuginare sul passato, arrivando addirittura a colpevolizzarci. “Sono così, non ci posso fare niente”. Quanto è limitante? Cambiamo ogni giorno e se facciamo un tuffo nel fiume, l’acqua in cui siamo entrati non è certamente la stessa dalla quale usciremo.

 

Tutto scorre e siamo in continuo cambiamento. Essere sicuri della nostra identità e continuare e mantenere le stesse posizioni equivale alla “morte”.

La cura di sé

curare sè stessiCi si può prendere cura della mente ma dimenticare il corpo. Dobbiamo rammentare che siamo soggetti psicofisici. Laddove non arriva la mente subentra il corpo e viceversa. Prendersi ulteriore tempo da dedicare alla cura di sé significa andare incontro a conseguenze sorprendenti. Ben presto ci renderemo conto di quale potenziale abbiamo a disposizione.

La corsa

La condizione in cui viviamo, ovvero la società, è nevrotica. Attenzione, questo non significa che dobbiamo esserlo anche noi. Prendiamoci del tempo per respirare ogni giorno. Correre non porta a nulla, anche per quanto riguarda il lavoro. È dimostrato che se si teme di non terminare gli obbiettivi che ci si è posti durante la giornata, certamente quest’ultimi non verranno portati a termine.

In genere quando si entra dentro una stanza l’attenzione si focalizza solo su determinati oggetti. Se vi rendete conto che non riuscite a portare la vostra attenzione su tutto ciò che vi circonda, avete una percezione limitata. Imparate ad osservare tutto ciò che avete intorno in ogni sua sfumatura.

Domandare è lecito

aiuto-10L’essere umano da solo non andrà da nessuna parte. Ecco perché è importante un confronto, chiedere aiuto quando ce n’è bisogno. Non abbiate timore di chiedere una mano alle persone accanto a voi. 

Siamo tutti esseri umani, persone con problemi e limiti.

luca-mordenti

di Luca Mordenti

 

 

 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi