Se non ti piace, perchè condividi?

Don't share

gatto-1Mi costerno, m’indigno… clicco e condivido.

Dacci oggi la nostra polemica quotidiana, o’ Facebook. Una bella dose di critica distruttiva, lamentarsi di donne, tempo e governo e avere in cambio l’illusione di agire attivamente sulla realtà.

A tutti è capitato di parlar male di qualcosa o qualcuno, pubblicando un contenuto che riguardava quella situazione o persona che proprio non era in linea con il nostro modo di essere.

 Ricordo ancora una delle prime massime che ci insegnarono alla Facoltà di giornalismo: la buona notizia non fa notizia. O comunque, fa molto meno scalpore di un fattaccio, una tragedia o un’informazione politically uncorrect.

Leggi anche: Facebook è come il mercato del pesce

Così non solo se leggiamo o vediamo qualcosa che non apprezziamo il nostro umore peggiorerà ma in realtà, pubblicando un contenuto che non ci piace, non stiamo facendo altro che aumentare il traffico di quel video o di quel post che proprio ci dà sui nervi.

Se poi, a loro volta, i nostri contatti lo postano sulle loro bacheche, il gioco è fatto. Si crea una spirale di informazione sommaria e negativa.

Che fine ha fatto la netiquette?

netiquetteRicordo che, agli albori della diffusione di Internet, a scuola ci fecero comprare un libro sui nuovi termini e vocaboli del mondo web.

In appendice, un capitolo riguardante la netiquette (crasi di net = rete in inglese ed etiquette= etichetta in francese) ovvero i comportamenti corretti da utilizzare nel mondo virtuale. Una specie di Galateo 2.0 che era buona norma tenere come riferimento.

Leggi anche: La libertà d'espressione finisce dove comincia il diritto penale

Oggi questo termine, se non èpiù utilizzato, è comunque considerato un po’ retrò. Eppure, sono dell’idea che si dovrebbe riesumare la  buona creanza per ciascun social.

La netiquette su Facebook

don't share

Per quanto riguarda Big F il nostro potere d’azione su ciò che scegliamo di leggere riguarda poche semplici regole di buon senso.

1) Se non ti piace, non commentare;

2) Se non ti piace, non condividere; 

3) Se non conosci un argomento, informati prima di dire imbarazzanti corbellerie; 

4) Leggi sempre i post per intero;

5) Ricorda che l’offesa sui social ha conseguenza a livello legale;

Non lamentiamoci del cattivo giornalismo. Ricordiamoci che anche noi abbiamo un potere sui contenuti. Meno post che incitano alla polemica sterile vengono condivisi, più si riuscirà a scremare l’informazione spazzatura e destinata a creare solo polverone. 

 

di Irene Caltabiano

 

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi