Se mi lasci non vale (almeno fino al prossimo lui/lei)

Lasciarsi, anzi no, essere lasciato.

lasciarsi1Quando finisce una storia è brutto per tutti. 

Mmm...'nsomma.

Il dramma è soprattutto se il lasciato/a sei TU; anche perché, se ti hanno lasciato, secondo un antico detto indiano “ci sta di mezzo n’altro/a”.

E giù umiliazioni, parenti che chiedono del fu fidanzato/a, stati di angoscia, ansia generalizzata, pianto ininterrotto e voglia di fare pari a quella di Drugo ne “Il grande Lebowski".

Senza dimenticare le frasi tipiche che ci propinano, sempre le stesse fin dall’antichità, quelle che anziché consolarci, ci gettano nella più totale angoscia. (Qualche esempio? “meglio ora che dopo”, “è lui che ci rimette”, “vedrai che cambia idea” e in cima la sempreverde, “morto un papa se ne fa un altro”). 

Osservando amici, parenti, conoscenti e analizzando la sottoscritta, dopo aver trascorso lunghi periodi di meditazione sul monte Bianco, sono arrivata alla conclusione che esistono al mondo diverse reazioni, standardizzate e tipiche, all’essere lasciato.

L'inconsolabile

piangre-dawsonL' inconsolabile è quello/a che quando viene lasciato/a non ha più una ragione per vivere.

Indifeso/a come un neonato fa tenerezza anche solo a guardarlo/a, inizia un ostinato sciopero della fame senza garanzia minima di servizio, non vuole uscire, non vuole conoscere nessuno, ma al contempo non vuole star solo/a quindi fa insorgere stati di schizofrenia ad amici e parenti che vogliono dare una mano.

loading...

Durata dello stato? Da sei mesi a un anno. Tanti auguri.

Il/la dignitoso/a

Talmente razionale che ha dimenticato di avere  persino l’amigdala e altre aree cerebrali deputate all’emozione. L’ultima volta che gli è scesa una lacrima è stato ai mondiali 2006 al Circo Massimo. Dice subito che “è meglio così”, che tanto neanche lui/lei erano convinto/a della storia, e se l’ex dovesse tornare hanno la capacità di perdono di Aria Stark. Durata dello stato? Perenne.

Leggi anche: Perchè quando torniamo single il mondo sembra subito accorgersene?

L'autodistruttivo

zio reginaldoSembra che non stesse aspettando altro. Appena la storia si interrompe si apre il periodo di alcool droghe e momenti di degenza nelle comunità.

Gli amici di turno che gli tengono la testa mentre vomita, trovano tutto simpatico come il sopraggiungere delle bollette.

Rancoroso come Loki nei confronti di Thor, l’autodistruttivo/a odia, e ama, e piange e insulta e odia e ama e od..etcetc. Durata dello stato. Dipende da quando conosceranno la nuova/il nuovo.

La stalker

La/lo stalker, che fine ad un giorno prima della rottura giurava sul santo Graal che se il ragazzo/a l’avesse mollata/o avrebbe risposto” pazienza”, appena la storia di interrompe allestisce un laboratorio da campo improvvisato e comincia a disegnare una mappa dettagliata di tutti gli spostamenti min. per min. dell’ex.

Usa tecnologie sovietiche all’avanguardia e riesce non solo a sapere dove si trova e con chi, ma con un po' di pazienza, ne prevede le future mosse. Quando lo ritiene opportuno si presenta da lui /lei pregandolo di tornare insieme utilizzando la sacra tecnica dello stordimento di pianti e singhiozzi. Durata dello stato? Da sei mesi ad un anno.

La patetica/il patetico

enzo miccioLa patetica/il patetico è stata/o lasciata/o dal genio di turno che ha conseguito un dottorato in rigiro delle situazioni e supercazzole, quando viene lasciata/o, anche per i motivi più tremendi, erige un altarino per il suo ex/la sua, (manco fosse morto da eroe in guerra), che sarà sempre il più bello/la più bella e buono/a di tutti/e.

Visto che già aveva la propensione al cambiamento di Internet Explorer, la patetica/o non può e non vuole accettare la nuova condizione, tant'è che aveva buttato già una bozza del matrimonio con colombe, carrozza e Enzo Miccio. Durata? Apro una piccola parentesi perché questi soggetti possono anche aspettare per decenni l’amato/a con il vestito da sposa indosso, guardando in loop il filmino della vacanza a Sharm el Sheikh.

Leggi anche: La carica del 2x1, se l'uomo al supermercato è cacciatore

La fenice

feniceLa fenice è quella/o che appena viene lasciata/o, dopo un giusto e misurato periodo di lutto, la/lo vedi divertirsi in notti sfrenate ubriaca/o e felice.

Si ricorda bene che stava con uno/a che accendeva una discussione violentissima per chi fosse stato l’ultimo a spegnere tutte le luci prima di uscire e a ben guardare si rende conto che sta meglio da sola/o che con uno/a che doveva applicare il teorema di Pitagora pure per andare a prendere una birra. Durata dello stato? Qualche mese.

Come nel film “La verità è che non gli piaci abbastanza” se vi molla, vi tradisce, non si impegna, non gliene frega nulla di piacere ai vostri amici beh allora non gli piacete abbastanza.

Quindi che siate l’autodistruttore o la fenice, l’importante è che vi siate lasciati!

sara-salini

 

di Sara Salini

Blogger love-expert

 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

 

 

 

 

 

 

I

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi

Contattaci