Sapresti riconoscere un kamikaze pronto a farsi esplodere?

Il terrorismo, sempre più spesso, è una questione di camaleontismo. Riesce ad attecchire e prosperare nella misura in cui si mimetizza e adegua al contesto circostante. È quindi fondamentale captare e decifrare i segnali disseminati da kamikaze e aspiranti tali per neutralizzarli. Così, negli ultimi anni, giornalisti e psicologi si sono concentrati nello studio di questi, arrivando a tracciare veri e propri vademecum.
«Un attentatore si muove con l’obiettivo di trasmettere l’impressione che lui non ci sia. Se si facesse un time lapse di un ambiente in cui è presente un kamikaze, si noterebbe come all’interno della massa le persone si muovano velocemente, mentre l’attentatore al contrario si muove lentamente e in modo adinamico». Così Dietmar Heubrock, Direttore dell’Istituto di Brema per la psicologia legale, che si occupa di formare le forze dell’ordine, così da aiutarle a riconoscere i terroristi. 
Dietmar Heubrock ha inoltre sottolineato che, spesso, la figura del kamikaze è costituita da stereotipi, anche estetici. L’opinione comune vuole quindi che gli attentatori siano barbuti e perennemente intenti a pregare. Nella realtà, invece, sono sbarbati, vestiti con cura ed eleganti. 
Il terrorismo, sempre più spesso, è una questione di camaleontismo

Riesce ad attecchire e prosperare nella misura in cui si mimetizza e adegua al contesto circostante. È quindi fondamentale captare e decifrare i segnali disseminati da kamikaze e aspiranti tali per neutralizzarli. Così, negli ultimi anni, giornalisti e psicologi si sono concentrati nello studio di questi, arrivando a tracciare veri e propri vademecum.

«Un attentatore si muove con l’obiettivo di trasmettere l’impressione che lui non ci sia. Se si facesse un time lapse di un ambiente in cui è presente un kamikaze, si noterebbe come all’interno della massa le persone si muovano velocemente, mentre l’attentatore al contrario si muove lentamente e in modo adinamico». Così Dietmar Heubrock, Direttore dell’Istituto di Brema per la psicologia legale, che si occupa di formare le forze dell’ordine, per aiutarle a riconoscere i terroristi.

 

Heubrock ha inoltre sottolineato che, spesso, la figura del kamikaze è costituita da stereotipi, anche estetici. L’opinione comune vuole che gli attentatori siano barbuti e perennemente intenti a pregare. Nella realtà, invece, sono sbarbati, vestiti con cura ed eleganti. 

 

GENERAZIONE ERASMUS 2.0

loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi