Fertility day: S.O.S, Patria chiama utero

"Celebrare questa rivoluzione culturale istituendo il “Fertility Day”, Giornata Nazionale di informazione e formazione sulla Fertilità, dove la parola d’ordine sarà scoprire il “Prestigio della Maternità”.
 

L'iniziativa promossa dal Ministero della Salute, che avrá luogo il 22 settembre, ha scatenato una vera e propria bufera mediatica e social. Basterebbe semplicemente questo stralcio tratto dal Piano Nazionale per la Fertilitá, documento ufficiale redatto per l'occasione, a condannare se non altro lo stile con il quale è stata impostata la campagna.

Risulta facile farsi dominare dall'indignazione di fronte a certe trovate. Tuttavia sempre meglio non cedere alle emozioni a caldo e cercare di capire il reale intento del progetto, nella speranza di trovarsi di fronte a un pubblicitario incompetente accompagnato da un team altrettanto sprovveduto. Partiamo dalle immagini che hanno caratterizzato la discutibile e discussa promozione.

Donna= aspetto estetico. Anche l'intelligenza, il fascino,la personalitá non hanno etá. Gli obiettivi possono essere diversi dall'apparire attraenti e piacevoli alla vista? Ah giusto, possiamo anche sfornare figli. Se l'obiettivo era non mettere ansia ma semplicemente informarci sulla durata della nostra etá fertile, non è stato raggiunto. Tuttavia, questo aspetto potrebbe risultare secondario. Il meglio deve ancora venire. 

Come l'acqua, sembrerebbe suggerire l'immagine. Peccato che quella la paghiamo e non poco. La sensazione di presa per i fondelli si fa sempre piú palpabile. Il culmine dell' ipocrisia non tarda peró ad arrivare. La slide successiva recita : “Genitori giovani, il miglior modo di essere creativi”, mostrando due paia di piedi nella classica posizione del missionario. Perchè si sa, procreate, ma senza divertirvi troppo né perdere di vista l'obiettivo principale, ovvero rimpolpare il numero di virgulti. 

Per non parlare poi del fatto che l'unica traccia maschile in questo trionfo di superficialitá sono quel paio di piedi. Insomma donna,  muoviti a procreare perchè è colpa tua se la popolazione sta invecchiando. Povera scema, che stai ancora ad aspettare la cicogna. 

Mio caro governo, mi hanno sempre insegnato che i problemi vanno affrontati a monte. Perchè questi giovani capricciosi si incaponiscono nel non voler riprodursi? Forse semplicemente non ci sono le condizioni adatte per mettere al mondo un figlio. Mettiamo che, presa dall'entusiasmo, essendo una giovane in etá da concepimento, mi sia svegliata stamattina con un impellente desiderio di maternitá. Ma ops, col mio stipendio ce la faccio a malapena a pagare bollette e affitto. Nel migliore dei casi. Una stragrande maggioranza di noi “presuntuosi” lavora e fa stage per  la gloria, stregati dal miraggio del “fa curriculum" e del “contratto a tempo indeterminato”.Condizione che obbliga ancora, di malavoglia, alla condizione di figli, a restare  a casa a carico di mamma e papá per risparmiare.

Vedo molti indici puntati contro le donne che lasciano passare troppo tempo senza adempiere alla loro funzione riproduttiva e pochi incentivi reali, insomma. Mettiamo allora che abbia la possibilitá economica di farlo nascere questo fantomatico figlio. Per cosa? Per avere un contratto che, giá precario, diventa inesistente? Tutelato su carta ma, svegliamoci, il mondo reale è un'altra cosa?Per mandarlo in scuole non a norma che crollano con un soffio di Eolo? Per farlo giocare in mezzo alla spazzatura? O forse perchè, una volta cresciuto, andrá a nutrire la vasta fascia di cervelli in fuga? 

Infine, per i nostalgici, citando Roberto Saviano, l'ultima slide recita: “La costituzione tutela la procreazione cosciente e responsabile”. Solo di puro esemplare italiano, mi raccomando, come suggerisce il tricolore in bella vista.

Sono d'accordo che ci sia bisogno da parte dei giovani di una migliore consapevolezza del proprio corpo e della propria sessualitá. Ma per incoraggiare a una scelta cosciente e non come mera spinta allo svecchiamento del Bel Paese. E che sia in un obiettivo paritario, ovvero rivolto ad entrambi i sessi e sostenuto a monte da ben altre politiche sociali. Infine, in tutto quest'inno alla fertilitá, nessun cenno che vada al di lá della famiglia tradizionale. O della decisione legittima che avere figli non è necessariamnete il “destino biologico” ( come si legge nel documento) di ogni donna, se non ci si sente portate per fare le madri . Se l'andamento è questo, ce n'è  di strada da fare. 

 

 

di Irene Caltabiano

 

 

Potrebbe interessarti anche:

-Iscriviti al canale YouTube-

 

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi