Ricarichiamoci con gli spinaci!

Salute di ferro grazie agli spinaci

spinaciGli spinaci accompagnano i nostri piatti in diversi mesi dell’anno, in particolare quelli più freddi. Verdi, dalla foglia sottile e dal gambo stretto, appartengono alla famiglia delle Chenopodiacee, la stessa di barbabietole e bietole.

Ottimi da gustare sia crudi (insieme agli antipasti) che cotti (in un profumato risotto) o come contorno ad un secondo. Questa verdura è stata da sempre identificata come fonte di energia e vitalità, tanto che un famoso cartone animato ne ha reso celebre il suo utilizzo per aumentarne la forza.

Ma davvero gli spinaci hanno questa caratteristica?

spinaci-8La risposta è si. In effetti, presentano diversi nutrienti positivi per la  salute. In particolare il ferro, in quantità doppia rispetto alle altre verdure. 

Quindi posso fare una scorta di ferro mangiando gli spinaci? In realtà, non è proprio cosi. Bisogna tener conto di un aspetto importante, vale a dire la “biodisponibilità” di un minerale, cioè la capacità di essere presente in una forma assimilabile dal nostro organismo. Negli spinaci, pertanto, non tutto il ferro presente è assorbito realmente dal corpo. 

Esiste un modo per aumentare la biodisponibilità?

Per fortuna, la natura ci viene incontro per ovviare a questo problema. La vitamina C, difatti, sembrerebbe favorire il suo assorbimento. Pertanto consiglio di condire queste verdure con una bella spremuta di limone (ma ovviamente questo si può adattare a tutti quegli alimenti che contengono ferro). 

 

Quali sono gli altri nutrienti presenti negli spinaci?

spinaci-3Oltre al già citato ferro, gli spinaci sono ricchi in vitamina K, vitamina C, ma anche magnesio e caroteni.

I benefici per la salute?

Sono diversi:

  • Ricco in luteina, promuove la salute della vista
  • Protegge nei confronti del cancro, grazie anche alla presenza di caroteni.
  • È un alimento alcalino, quindi regola il PH dell’organismo
  • Attenzione, evitarne il consumo in caso si soffra di calcoli renali e gotta.

Il mio consiglio? Conservarli in frigorifero, senza lavarli, in quanto l’umidità potrebbe favorire il deterioramento anticipato del prodotto.

E ricordate sempre, la salute viaggia dal web alla vostra tavola!

marina-putzolu

 

di Marina Putzolu

Biologa e nutrizionista

 

 

 
 

 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi