Quei pali canadesi con guanti e giubbotti

Una mamma davvero speciale la signora Tara.

 Per  il compleanno della figlia, ha deciso di regalarle qualcosa di impossibile da comprare: il valore della solidarietà.

Halifax, in Canada, è famosa per i suoi inverni rigidi e freddi. Mrs Atkins ha così proposto una raccolta di giacche, guanti e sciarpe da distribuire in diversi punti della città. Gli indumenti sarebbero stati poi destinati ai senzatetto, affinché li potessero usare  per scaldarsi durante  la gelida stagione.

La risposta della comunità è stata pronta e generosa e, nelle scorse 
settimane, il portico di casa Smith-Atkins si è riempito di persone  e buste contenenti vestiti. Il 14 novembre, giorno dell'ottavo compleanno della figlia,  Tara è uscita insieme alla piccola e  un gruppetto di amiche per andare a sistemare  i capi raccolti.
 
La volenterosa banda ha percorso per un'ora le vie di Halifax, legando abiti a pali della luce,  panchine e tronchi, lasciando su ciascuno un biglietto con su scritto:« Non mi sono perso! Se sei rimasto fuori al freddo, per favore, prendimi per mantenerti al caldo!». Le bambine hanno così sicuramente vissuto un'esperienza diversa, imparando un'importante  lezione su generosità e amore per il prossimo.
 
L'idea è già stata ripresa a Sunderland, nell'Inghilterra del Nord, stavolta senza un vero e proprio organizzatore. É possibile

dunque che spuntino ancora piumini e cappelli “orfani” in altre parti del mondo.

L'iniziativa della mamma canadese ci fa comprendere come spesso bastino idee semplici per fare del bene, sviluppando soprattutto la sensibilità delle nuove generazioni. I piccoli si abituano così a vedere nei meno fortunati non un pericolo, ma qualcuno che ha bisogno del loro aiuto.
 
 
 
di Irene Caltabiano
 
 
 
Leggi anche:
 
 
 
 
 
loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi