Occhio alla rata…Equitalia non ci pensa due volte a pignorare

Massacrare il tessuto produttivo del Paese è più facile del previsto. Basta accanirsi su famiglie e imprese. Come si suol dire, piove sempre sul bagnato, e infatti la mannaia di Equitalia, nelle ultime settimane, si sta abbattendo con particolare frenesia in Puglia.
 
«Accade che l’Agenzia di Riscossione sta causando il default di moltissime attività e famiglie». Così Alfonso Ferrara, vicepresidente provinciale di Confesercenti Foggia. «Dopo tanti anni di crisi, di freno imposto dal credito, il territorio non può tollerare l’attacco lanciato da Equitalia. In pratica, nel momento in cui un’azienda o un privato ritarda il pagamento del proprio piano di rateizzazione, scatta il pignoramento presso terzi, in modo particolare bloccando i conti correnti presso le banche. Un’azione di disturbo che, di fatto, paralizza l’attività delle imprese, impossibilitate a poter lavorare e, nello stesso tempo, anche a pagare quanto dovuto al Fisco».
 
Un meccanismo perverso e vizioso, una spirale mortale, perché, il giro di vite innescato da Equitalia induce gli istituti di credito a congelare le istruttorie degli affidamenti e il normale rapporto con il cliente. All’origine di tutto, un’asimmetria nella riammissione alle rateizzazioni decadute, promossa nella seconda metà del 2015. Così, mentre i cittadini sono convinti di avere la possibilità di non pagare fino a otto rate non consecutive, l’Agenzia di Riscossione annulla il piano di dilazione già dopo la seconda saltata.
 
 
 

 

loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi