Niente più punture: arriva il tatuaggio per diabetici

Utile e poco invasivo

tatuaggio-1Controlli lunghi e frequenti. La vita di un diabetico è fatta di monitoraggi glicemici continui. Amay Bandobkar, studente dell’Università di Harvard, ha ovviato al problema: con la collaborazione di alcuni scienziati del MIT, ha creato un tatuaggio speciale.

Come funziona

L’originale idea promette di rendere più semplice la vita di chi è affetto da questa malattia. Il tatuaggio infatti rileverebbe il livello di zucchero nel sangue, variando di colore quando si stanno per superare i limiti consentiti, grazie ad un inchiostro reattivo chiamato Dermal Abyss.  Se il grado di zucchero nel sangue viene superato, il colore passa dal blu al marrone.

Il dispositivo è costituito da elettrodi stampati su una cartina per tatuaggio e funziona applicando per dieci minuti una corrente elettrica molto lieve sulla pelle. Ciò costringe gli ioni di sodio che trasportano il glucosio a fluire verso il tatuaggio.

Chimica analitica

tatuaggio-4

La sostanza, una volta iniettata, è reattiva non solo ai livelli di glucosio ma anche al sodio e al PH del corpo e potenzialmente, quindi, potrebbe essere utile anche per altre patologie oltre al diabete. Il meccanismo viene chiamato Analytical Chemistry e funziona senza sangue, estraendo e misurando il glucosio dal fluido presente tra le cellule della pelle.

I diabetici grazie a questa soluzione potrebbero così non doversi sottoporre a fastidiose punture giornaliere. Basterebbe cambiare quotidianamente il tatuaggio che, fra l’altro, costa solo pochi centesimi.

L’invenzione è ancora in fase di collaudo e deve superare parecchie prove prima di poter essere effettivamente utilizzato su pelle umana garantendo sicurezza, affidabilità ed evitando possibili reazioni allergiche.

 Speriamo di riuscire a vederlo diffuso sul mercato. 

irene-caltabiano

 

di Irene Caltabiano

 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi