Momenti no: le immagini mentali che aiutano a superarli

Esiste una ricetta per allontanare malesseri?

pensieri-negativiSì, ognuno ne ha diverse. Forse ancora non sai di che si tratta e non hai cercato bene nei cassetti della mente. Siamo contenitori di medicinali senza controindicazioni. Tutto giace, impolverato o lucido, nel cervello. Tra ricordi e immaginazione.

Un team di psicologi, sociologi e psichiatri si sono messi a tavolino e hanno discusso. Esiste un' immagine universale che possa alleviare la psiche umana da stress, nervosismo, rabbia? No. Ne esistono ben due

Il fiume

fiume

"Nello stesso fiume siamo e non siamo e ci bagniamo una sola volta".

Elaborando il pensiero del filosofo Eraclito, l’acqua del fiume che scorre ci bagna una sola volta perché, nell’istante in cui ci immergiamo, non è più la stessa. Cos’è dunque? Un flusso continuo che porta con sé pelle morta, rami spezzati, foglie, pioggia.

Sin dagli antichi greci l’immagine del fiume è rimasta invariata e gli stessi torrenti scorrono da secoli. Chissà quante storie portano con sé ma soprattutto, oggi, ci danno la possibilità di inserire le nostre.

Il team degli strizza cervelli (perdonatemi il termine) sono partiti da questo. È mattina, immaginiamo di aver appena discusso con il fidanzato/ la fidanzata. La giornata parte male, stiamo andando al lavoro e l’ansia cresce. Gli esperti ci guidano:
 

"Chiudi gli occhi e immagina un fiume che scorre. Raccogli tutti i tuoi disagi e buttali nell’acqua, vedili galleggiare e allontanarsi. Ad occhi ancora chiusi, cerca la sorgente. Non puoi sbagliare perché è dentro di te. Lì è da dove tutto è partito, l’acqua è pura e inizia la vita"

Il fiore

fiore-violaAllontaniamoci dalla filosofia greca e avviciniamoci al degrado urbano. Roma: città intasata, smog, clacson, strilli. Così come gli atleti che in via delle Terme di Caracalla si ostinano ad allenarsi in mezzo all’inquinamento, alberi e fiori ai lati della strada assorbono le stesse sostanze. Cosa ne rimane? Il loro splendore.

C’è un periodo dell’anno in cui fiori e frutti immancabilmente sbocciano. È nella loro natura. Non hanno paura di smog e tempeste, hanno forti radici e rimangono in piedi anche in situazioni avverse. Così come assorbiamo le emozioni negative, pensiamo che anche per noi verrà necessariamente il tempo della fioritura.

La mia strizza

luogo-sicuro

Le immagini appena descritte sono per la mia psicoterapeuta, i luoghi sicuri (o base sicura). Ed ecco che torniamo all’inizio dell’articolo.

Esiste una ricetta per allontanare i malesseri? Si, è dentro di noi. Ogni persona che sta soffrendo un disagio profondo o anche effimero, può evocare l’immagine al momento del bisogno ed entrarci in contatto, garantendosi una distensione muscolare e uno spostamento del focus.

Dopo un po’ di allenamento e aver trovato il vostro luogo sicuro, vi renderete conto che passerete dal pianto al sorriso in pochi minuti.

La mia base sicura l’ho trovata e ne sto cercando altre. Voi, che aspettate?

luca-mordenti

di Luca Mordenti

 

 

 
 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi