Tuo figlio è dislessico? Lo psicologo può aiutarlo

Sei preoccupato perché tuo figlio legge lentamente e fa molti errori, ci mette ore per studiare due pagine e non riesce a imparare le tabelline? 

Prima di rimproverarlo cerca di capire se dietro le sue difficoltà si nasconde un disturbo dell'apprendimento.

Ne abbiamo parlato con Antonella Maritato, giovane psicologa e ricercatrice universitaria che segue bambini affetti da DSA. 

Cosa sono i disturbi dell'apprendimento?

I Disturbi dell’Apprendimento sono disturbi del neurosviluppo che determinano difficoltà, a volte anche molto importanti, nell’acquisizione di specifiche abilità scolastiche come la lettura, la scrittura e il calcolo. Si parla di disturbi specifici proprio perché coinvolgono solo precise competenze, senza intaccare il funzionamento intellettivo generale. La diagnosi, infatti, può essere data solo in presenza di un Quoziente Intellettivo nella norma e in assenza di deficit neurologici e/o sensoriali. 

Questi disturbi tendono ad essere presenti contemporaneamente, a durare nel tempo e, a secondo dell’abilità compromessa, possiamo parlare di Dislessia, Disgrafia, Disortografia e Discalculia.

A che età si presentano?

Si tratta di disturbi congeniti, quindi presenti fin dalla nascita. Si manifestano con l’entrata dei bambini nella scuola, quando è il momento di mettersi alla prova con la lettura, la scrittura e il calcolo. Non è possibile fare diagnosi prima della fine della seconda elementare per Dislessia, Disgrafia e Disortografia, e prima della fine della terza elementare per la Discalculia. È in questi anni, infatti, che tali abilità dovrebbero essere apprese e rese automatiche nei bambini. In caso di difficoltà persistenti è opportuno rivolgersi subito a un centro specializzato per valutare la presenza o meno del disturbo. 

Prima di quest’età, però, possono già esserci dei campanelli d’allarme a cui i genitori devono stare attenti: per esempio, le difficoltà nel normale sviluppo linguistico dei bimbi, nel modo di impugnare le matite e i colori e di organizzare i disegni nello spazio, o nell’acquisizione delle prime competenze numeriche e di calcolo. In questi casi individuare in tempo tali difficoltà può permettere ai bambini, con l’aiuto di professionisti, di lavorare su queste carenze con buoni livelli di recupero.

Quali sono i segnali che possono indurre i genitori a preoccuparsi?

Come appena detto, un genitore può essere attento a questi elementi fin dai primi anni di vita del bambino, soprattutto se già sono presenti casi in famiglia. Sicuramente per un genitore il momento dei compiti a casa può essere il modo per osservare la possibile presenza di un Disturbo di apprendimento: ad esempio, quando si accorge di una lettura lenta, con errori o che affatica molto il bambino/ ragazzo; quando suo figlio non riesce a comprendere la consegna degli esercizi, mostra molta difficoltà nello studio di materie orali o problemi d’attenzione; quando gli risulta molto difficile memorizzare poesie, filastrocche e tabelline. 

In queste situazioni, per evitare che il bambino/ragazzo si scoraggi o senta di non potercela fare rispetto ai compagni di classe, è opportuno rivolgersi a professionisti. La diagnosi deve essere fatta da specialisti con test specifici e standardizzati in linea con quanto detto dalla Consensus Conference e dall’Istituto Superiore di Sanità. Per richiedere la diagnosi è possibile recarsi all’ASL, ad Aziende Ospedaliere e Universitarie, alle IRCSS e nei centri accreditati o privati specializzati con alcune differenze, in Italia, tra regioni e regioni.

Quali sono le conseguenze che questi disturbi possono provocare nei bambini?

La principale conseguenza è sicuramente uno scarso rendimento scolastico, perché il bambino/ragazzo sperimenta giorno dopo giorno queste difficoltà  e percepisce il gap rispetto ai compagni di classe. In un primo momento i bambini/ragazzi affetti da DSA possono sembrare svogliati e disattenti, ma questa è solo una manifestazione della frustrazione e della reale difficoltà che vivono. È possibile, inoltre, che essi manifestino comportamenti evitanti nei confronti della scuola e/o dei coetanei, non sentendosi “bravi come gli altri”. 

Questi aspetti non vanno sottovalutati perché possono influenzare molto l’autostima e la percezione di sé, soprattutto se pensiamo che molti ragazzi arrivano tardivamente alla diagnosi, quando hanno alle spalle già anni di insuccessi scolastici, e di rimproveri da parte dei genitori e insegnanti. La legge 170/2010 tutela questi ragazzi garantendo loro misure compensative e dispensative che la scuola deve adottare per permettere loro di accedere all’istruzione secondo modalità più consone e favorevoli.

Cosa può fare lo psicologo per aiutali?

Il suo aiuto può essere determinante. Nei casi dei bambini più piccoli lo psicologo può essere una risorsa sia per il bambino, con l’avvio di interventi riabilitativi per il recupero dell’abilità, sia per i genitori, che molte volte arrivano spaventati e non sanno come reagire di fronte a questa diagnosi. Nel caso di ragazzi adolescenti che magari hanno già provato delle frustrazioni, lo psicologo può supportarli sia emotivamente, attraverso una prima fase di consapevolezza, sia operativamente, sviluppando col ragazzo strategie per compensare al meglio le sue difficoltà, migliorando e personalizzando il metodo di studio

I disturbi dell’apprendimento non spariscono col tempo poiché sono una caratteristica neurobiologica della persona, ma con una diagnosi precoce e/o un buon intervento mirato, sia da un punto di vista clinico/riabilitativo, sia didattico a scuola, questi ragazzi possono tranquillamente ottenere successi scolastici a qualsiasi livello d’istruzione

 Antonella Maritato è una ricercatrice di Psicopatologia evolutiva all'Ospedale Bambino Gesù di Roma.

Muhammad Ali, Tom Cruise, Quentin Tarantino... Sono solo alcuni dei personaggi famosi che da bambini sono stati dislessici. 

Guarda Il video:

 Rosa Cambara
 Blogger

 

Ti è piaciuto l'articolo? Leggi anche:

seguici sul canale YouTube 
 
 

 

loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi