Mamma, quest'anno vado in vacanza con gli youtubers

Sono lontani i tempi in cui campo estivo era sinonimo di natura e canti attorno al fuoco.
 

I millenials non riescono a separarsi nemmeno un'ora da smartphone o da pc portatile. Perciò, se Maometto non va alla montagna...

In America e Spagna hanno rispolverato la formula del summer camp, ma in versione 2.0 per i nativi digitali. Così nascono i soggiorni fuori-porta per aspiranti YouTuber. L'iniziativa renderà probabilmente i genitori un po' perplessi, eppure gli adolescenti già li adorano e le iscrizioni fioccano.

Particolarità? A guidare l'intera vacanza non sarà un adulto, ma star di YouTube come Meghan Rienks, Bethany Mota e Tyler Oakey. L'americano Camp 17 è suddiviso in tre appuntamenti: CampAim e #BestcampEver, dove si svolgeranno anche le classiche attività all'aria aperta. Il terzo si chiama invece Creator Camp ed è dedicato a chi vuole diventare una web star: lezioni di video editing, montaggio, fotografia e scrittura creativa. Una ghiotta possibilità per i giovani più spigliati, che ignorano la timidezza tipica dell'età. Prezzo? Mille dollari per quattro giorni, con prenotazioni in esaurimento. 

Anche la Spagna si tiene al passo con i desideri dei giovanissimi. Il gemello europeo di Camp17 si chiama 2bCamp e anche qui verranno insegnate tutte le tecniche o i meccanismi per diventare un idolo della rete:come costruire un personaggio che attiri i fan, aumentare le visualizzazioni, editare i propri video. In questo caso l'età media di partecipazione si abbassa ancora; potranno infatti prender parte all'iniziativa i ragazzini dagli 11 anni in poi. Prezzo? 700 euro.

Tali iniziative fanno sempre riflettere sulla facilità con la quale si può giungere alla notorietà e come sia importante nel mondo di oggi la costruzione della propria immagine. YouTube esiste solo da dieci anni, eppure ha rivoluzionato il mondo di adolescenti e non. Altro che noi degli anni '80 che passavamo ore a sognare davanti alla fotografia del nostro attore preferito. 

Spero solo che, se qualcuno di loro sfonderà, il successo non gli dia alla testa. E soprattutto non provochi ulteriori reclusioni in casa di fronte al pc. 

 

di IRENE CALTABIANO

 

Ti è piaciuto quest'articolo? Leggi anche:

-Iscriviti al canale YouTube-

 

loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi