Vendere usato online. Un lavoro che offre molti profitti esentasse

Produce un giro d’affari da 18 miliardi di euro pari all’1% del Pil italiano

Ebayers professionali

Qual è il modo migliore per disfarsi di qualcosa che non si usa più se non metterlo in vendita online guadagnando? 

E dall’altra parte, quella dell’acquirente, l’acquisto online dell’usato è senz’altro il modo più intelligente e veloce di risparmiare. Ecco perché ad oggi il mercato dell’usato online coinvolge il 50% della nostra popolazione di under 45 che acquista e vende sulla rete praticamente tutto. 

Dalle  auto ai cellulari, dall’arredamento agli elettrodomestici, gli italiani vendono ed acquistano guadagnando in media il 20% in più rispetto al canale tradizionale.

Smart, sostenibile ed economico

In un’epoca come la nostra in cui smartphone e tablet regnano nelle nostre case, questa modalità di acquisto e vendita ha successo principalmente perché è “smart”. I giovanissimi, inoltre, preferiscono l’usato perchè, pur avendo disponibilità economica non vogliono rinunciare a ciò che viene considerato “superfluo”. C’è chi invece preferisce il web per vendere bene oggetti elettronici acquistati a poco prezzo.

Ma c’è anche una fascia di età un po’ “più adulta” che sceglie l’usato online perché sostenibile oltre che economico. Sono spinti da motivi legati alla salvaguardia dell'ambiente e dalla ricerca di uno stile di vita più eco-compatibile. Infatti, acquistare oggetti di seconda mano non significa solo prevenire alla radice la produzione di nuovi rifiuti ma significa anche ottimizzare l'energia contenuta negli oggetti stessi, é un consumo critico e sostenibile. Altri,invece, attraverso questo canale possono acquistare oggetti non facilmente trovabili “vintage”.

I beni più acquistati e venduti

Qualunque sia il motivo, i beni acquistati e venduti sul web sono tantissimi:

I più venduti sul web appartengono alla categoria casa e persone (44%), veicoli (26%) e elettronica (23%). Mentre i più acquistati sono prodotti di elettronica (33%), sport e hobby (31%), veicoli (28%) e casa e persona (26%).

I pagamenti?
Il metodo più diffuso è la ricarica Postepay, ma è priva di garanzia. Paypal invece offre la garanzia soddisfatti e rimborsati. Inoltre in caso di acquisto differente dall'oggetto proposto, prevede il reclamo con rimborso immediato.
 
E le tasse?
Innanzi tutto è importante sottolineare che la cessione di un bene personale usato (ma anche di un bene nuovo, ad esempio acquistato erroneamente) è un'attività per definizione priva di utilità economica o, in altri termini, un'attività incapace di generare un plusvalore e quindi un reddito tassabile.
 

Colui che vende, a mezzo internet o in un negozio dell’usato degli oggetti personali, non deve dichiarare nulla né adempiere ad alcuna particolare formalità.   

Simona

leggi anche

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi