La vera bici pieghevole parla finlandese

In principio era il caos.

Muoversi in una città come Roma non è certo facile: traffico ovunque, trasporto pubblico a dir poco inefficiente e distanze troppo grandi da coprire a piedi. Chi deve spostarsi, specie per lavoro, non ha alternative ed è condannato a un sovraccarico di stress in itinere fatto di ritardi e disagi d’ogni genere. Per non parlare dei continui rincari del carburante o del costo degli abbonamenti per treni, metro e autobus che non è affatto in linea con la scarsa qualità del servizio ricevuto. Poi ci sarebbe anche il problema di parcheggi e borseggiatori ma il quadro è già abbastanza triste di suo, inutile rincarare la dose.

La necessità aguzza l’ingegno.

L’unica possibilità concreta di uscire da questo marasma è affidarsi a lei, la cara vecchia bicicletta. Un mezzo di trasporto nobile e salutare, che non inquina, non fa rumore e garantisce quel senso di libertà che tendenzialmente viene smarrito ogniqualvolta si entra in ufficio. Tuttavia nella città eterna scarseggiano anche le piste ciclabili e sono pochi i fortunati a potersi spostare da A a B senza dover ricorrere a strane alchimie.

Non a caso, ultimamente, si sono riaffacciate sul mercato le biciclette pieghevoli. Un tempo erano destinate ai bambini, poiché mamme e papà non avevano a disposizione le attuali monovolume per portare la prole a pedalare nel parco. C’era bisogno di ottimizzare gli spazi nei miseri bagagliai delle utilitarie e da lì è nata l’idea di piegare il telaio. Oggi, invece, a usarle sono gli impiegati che vogliono raggiungere il luogo di lavoro senza necessariamente diventare isterici.
Il percorso è diviso in due tappe: la prima serve per guadagnare l’area ciclabile con l’automobile o un mezzo pubblico, la seconda prevede l’utilizzo delle due ruote per arrivare a destinazione sereni, pedalando.

 

Sfortunatamente, però, le bici pieghevoli conservano il loro carattere infantile e ciò non le rende molto appetibili. Sono davvero piccole, al punto da sembrare giocattoli, e questo scoraggia numerosi potenziali acquirenti che comunque ne apprezzano funzionalità e praticità d’utilizzo. Salirci in sella renderebbe buffo chiunque, figuriamoci un adulto in giacca e cravatta o una persona un po’ paffutella. Inoltre, poiché le dimensioni delle ruote sono minime, occorre pedalare più in fretta altrimenti si arriva al traguardo per l’ora di pranzo. E che dire dell’atavico problema delle buche? Un conto è passarci sopra con una mountain bike, un altro è farlo con la bici di Barbie: il rischio di caduta cresce notevolmente, in quest’ultimo caso.

Dalla Finlandia per passione.

Niente paura, dalla Scandinavia è arrivata Fubi Fixie, una bicicletta di dimensioni normali (le ruote sono da 28”) che grazie a una geniale invenzione diventa pieghevole con un semplice scatto. Progettata dall’esperto in folding bikes Zakarias Laxström e prodotta dalla finlandese Fubicon, questa bici è diventata realtà grazie a Kickstarter, la celebre piattaforma di crowdfunding che consente a chiunque di finanziare la propria idea attraverso il contributo di persone comuni.

La Fubi Fixie può essere montata e ripiegata in dieci secondi, pesa appena 9 Kg e una volta compattata occupa uno spazio di 95x85x35 cm. Ciò significa che può essere trasportata senza problemi anche sui mezzi pubblici e con altrettanta facilità può essere riposta in uno sgabuzzino o nel bagagliaio dell’auto.
Disponibile in tre taglie che ben si adattano alla corporatura di ogni ciclista, è in vendita da ottobre 2016 a un prezzo di 470€ per la versione base (il modello top della gamma costa invece 580€). Una spesa decisamente sostenibile, considerando i benefici che comporta e la garanzia di due anni. Per convincersene, basta guardare il video di presentazione di questo fantastico prodotto.

 

di Giovanni Antonucci

autore del romanzo "Veronica Fuori Tempo"

 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi