Happiness on the road, la felicità è un'ape car piena di libri

Happiness on the road

happiness-on-the-roadSi può mettere il buonumore su due ruote e condividerlo nel modo più rapido possibile, di città in città, di km in km? Secondo Marco Sacchelli, creatore di Happiness on the road, assolutamente sì.

Classe '93, laureato in scienze psicologiche e con un Master sulla diffusione del pensiero positivo, il giovane fortemarmino ha creato una libreria itinerante che viaggia per l’Italia.

Leggi anche: Contro la crisi delle librerie una coppia trevigiana mette le ruote alla propria

Fin qui niente di particolarmente nuovo. Ma ciò che spesso fa breccia è saper mettere in un progetto il proprio vissuto, quel tocco personale che rende un’idea vincente e consente di trasmetterla agli altri con naturalezza ed entusiasmo.

Ogni cosa parte...dal capitolo zero

marco-sacchelliLa creazione di Happiness on the road è frutto di riflessioni, chiacchierate in libertà, birre e...viaggi. Percorsi alla scoperta di sé stessi, tra la misteriosa Granada, la luminosa Lisbona, i pub di Dublino e i colori di Laos e Thailandia. Marco infatti, dopo la laurea percorre il mondo in lungo e in largo, in attesa di scoprire la sua vera vocazione.

«Sentivo la necessità di iniziare un percorso mio che meglio potesse rappresentarmi. Sono un lettore, sogno di scrivere e ho sempre codificato il mondo attraverso le parole. Volevo portare le storie in modo diverso, parlando del potere che hanno».

Così inizialmente nasce Chapter Zero, blog sul benessere personale e la felicità. Ma non bastava. Marco voleva un contatto più diretto, qualcosa che trascendesse dal virtuale diventando reale e tangibile. Perciò ecco la scintilla per la creazione di Happiness on the road, l’ape car più felice che ci sia.

Qui ed ora

happiness-10«Ho iniziato andando nelle piazze, agli eventi di paese, nei parchi giochi portando i libri e organizzando laboratori di felicità. Condividevo tecniche ed esercizi studiati a proposito della Gentilezza, Gratitudine, Meditazione o Emozioni».

La risposta è stata immediata e numerosa. Chi interessato ai libri, chi alle conferenze, chi ai workshops, la felicità è un argomento che stimola i pensieri e le rivelazioni più profonde delle persone. 

«Non ho la pretesa di insegnare nulla, solo di condividere un messaggio. Che la felicità è possibile e appartiene solo a noi, che è necessario smettere di cercarla, ma riaprirsi ad essa esplorando la bellezza del presente».

Due mondi che si incontrano

bambini e libri

I libri si fanno dunque veicolo e strumento di comprensione. Molto prima dei film e delle serie tv, quell'insieme di paginerilegate erano la via di accesso privilegiata ad altri mondi, punti di vista differenti, strumento di immedesimazione, evasione, empatia.

Leggi anche: Ankara, la prima libreria con i libri raccolti dalla spazzatura

I romanzi, i saggi, i racconti ci aiutano dai tempi dell’invenzione della carta stampata a sentirci meno soli e vivere numerose esistenze, rimanendo la forma più privata di esplorazione di sé stessi e condivisione di sentimenti universali.

Felicità nelle scuole

happiness on the roadDa Happiness on the road sono nati progetti paralleli quali L’elettrocardiogramma della felicità, dedicato esclusivamente ai bambini: esercizi sulle emozioni, la consapevolezza e la capacità di restare calmi, vivere il presente ed essere grati.

Leggi anche: I bambini di oggi? Malati di fretta

«Sono andato già in diverse scuole d’Italia e ho avuto la possibilità di portare quello in cui credo nelle classi, condividere pensieri sulla felicità con insegnanti e bambini che, se solo gli dai un po’ di fiducia, ti ripagano con parole di meraviglia».

Un'idea semplice ma potente. Sono le persone che hanno la forza di credere nei propri sogni che alla fine creano le grandi rivoluzioni. In primis quelle che regalano nuovi occhi e sguardi sulle cose. 

irene-caltabiano

di Irene Caltabiano

 

 

 

 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi