La fisica è un gioco da ragazze! Parola di Physics girl

 Ci vuole fisica?

Alla sola pronuncia di tale branca della scienza la maggior parte delle persone pensa a una marea di nerd devoti al dio di quantistica ed elettromagnetismo. 

Personalmente la collego ai traumi degli scivoloni scolastici, al mio sei politico con relativi tentennamenti durante le interrogazioni, alle ore passate a rifiutare rapporto con numeri e formule.

La fisica insomma viene spesso considerata o roba da genietti o da imbranati sociopatici. Dianna Cowern, classe '91, la Physics girl più amata di Youtube smentisce tali credenze

Seicentomila iscritti all’omonimo canale, vive tranquillamente dei proventi dei suoi video; filmati volti a dimostrare come la fisica non sia roba da Olimpo di pochi eletti ma riguarda tutto ciò che ci circonda.

La scienza parla social

physics-girlPerché le stelle brillano? Di cosa siamo fatti? Perché un oggetto cade per terra? 

«La fisica è cool perché risponde alle domande e anche perché mi ha dato un lavoro» afferma l'esplosiva ragazza cresciuta in una fattoria delle Hawaii tra surf e immersioni e il cui soprannome al liceo era happy pants, per via del suo amore per i vestiti colorati.

Dianne, dai tempi della scuola, ne ha fatta di strada. Ha studiato fisica al MIT e Harvard ma fa parlare alla scienza il linguaggio dei social tramite esempi facili e fisicamente impeccabili.

Inizialmente i suoi genitori erano perplessi nel vedere la figlia che passava tutto questo tempo su Internet. Fin quando i suoi video non sono stati notati dal Public Broadcasting Service, che ora copre i costi di produzione dei suoi 32 video l’anno, dando lavoro part-time a cinque persone: un writer, uno stagista, un editor, un disegnatore e un fact checker.

Il colore della svolta

Il salto di qualità è arrivato con un video che ha vinto una competizione internazionale legata al quesito Cos'è il colore dove  Dianne interpreta la lunghezza d’onda rimbalzando su superfici colorate, sbatte contro gli oggetti simulando la luce che li colpisce e viaggia dentro il cervello con un cerchietto munito di antenne. 

In questo modo la simpaticissima Physics girl fornisce spunti didattici, diverte i nerd e incuriosisce i profani. Sfatando i luoghi comuni sulle donne scienziato e incrinando la patina di maschilismo con intelligenza e ironia.

La scienza è ancora troppo maschio

Dianne infatti è anche bella e divertente. Cosa che di per sè non rappresenta una notizia. 

Ma certamente sorprende in un mondo che si dia per scontato che il canale di scienza più seguito del web, alias “I fucking love science”, sia gestito da un ragazzo ( per la cronaca la proprietaria è Elise Andrews, divulgatrice scientifica). 

O dove persino in una serie dedicata al mondo della fisica come Big Bang Theory, la cervellona di turno è bruttina e si dedica ad una disciplina considerata più soft dagli esperti del settore.

Infine ahimè, i divulgatori scientifici più conosciuti, dall’Italia (Piero Angela)  all'America (Neil DeGrasse) passando per l'Inghilterra ( Brian Cox) sono uomini.

Dianne è ormai una web star della scienza. Forbes l'ha inserita tra i 30 under 30 da tenere sott'occhio nel 2019. «All’inizio il canale era il mio modo bizzarro di esprimere la frustrazione di non sapere ancora cosa fare della mia vita. Ho sempre avuto la passione per l’insegnamento. E ho sempre creduto in un maggiore coinvolgimento delle donne nella scienza. E certamente ci sono maggiori probabilità che le persone guardino un vido su come divertirsi con ferrofluido e glowstick (bastoncini luminosi)! anziché Le tre leggi di Newton sul moto».

irene-caltabiano

di Irene Caltabiano

 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

 

 

 

loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi