La Finlandia ha gli studenti migliori del mondo: mi sorge un dubbio...

In Finlandia niente compiti per casa e 20 ore settimanali di scuola

Una scuola senza compiti per casa e con un orario di sole tre-quattro ore al giorno? In Finlandia esiste, e il sistema sembra funzionare alla grande, visto che gli studenti finlandesi sono i più intelligenti del mondo, secondo il rapporto Ocse del 2015.

Nel documentario realizzato dal celebre regista statunitense Michael Moore, il ministro dell'Istruzione finlandese, Krista Kiuru, spiega che i più piccoli devono avere del tempo per essere bambini e per godersi la vita.

Cosa possono fare gli studenti con così tanto tempo libero? Secondo gli insegnanti intervistati, ci sono molte attività che stimolano la creatività dei bambini senza stressarli con ore e ore di compiti: giocare insieme, fare sport, imparare a suonare uno strumento, leggere, cucinare, stare all’aria aperta.

Il cervello deve rilassarsi ogni tanto. Se lavora incessantemente, allora smette di apprendere”, spiega una preside finlandese. I docenti sottolineano anche l’inutilità dei test a risposta multipla (pensiamo, ad esempio, all’Invalsi), che puntano su conoscenze standardizzate e non fanno crescere gli studenti. “Cerchiamo di insegnare ciò che può servire a usare il cervello nel miglior modo possibile, incluse educazione fisica, arte, musica”, continuano gli insegnanti.

E in Italia?

Nella classifica dell’Ocse, l’Italia compare solo al ventiquattresimo posto, con un sistema scolastico inadeguato fatto di un numero eccessivo di ore e di giorni di lezione, e i bambini costretti a trascorrere interi pomeriggi sui libri fin dalle elementari, cercando di memorizzare nozioni inutili che dimenticheranno dopo essere stati interrogati e che non li aiuteranno di certo a trovare lavoro in futuro.

Va bene con la riduzione dei compiti per casa, soprattutto alle elementari, ipotesi su cui spingono sempre più presidi e psicologi di tutto il mondo. 

Mi sorge, però, un dubbio...

Come faranno le famiglie in cui entrambi i genitori lavorano a tempo pieno? Bisognerebbe ripensare il sistema scolastico in modo da offrire un’alternativa allo studio, con educatori che seguano i bambini in attività divertenti e stimolanti, senza incidere troppo sulle spese di famiglie già gravate da tasse, mutui e bollette.

Hai mai controllato cosa fanno i tuoi figli quando non studiano? Molto probabilmente si incantano davanti allo schermo del computer o della televisione, smanettano con smartphone e video giochi, si isolano ascoltando musica o guardano un video dopo l’altro su YouTube, con il rischio di ascoltare messaggi inadeguati per la loro età.

Difficilmente aiuteranno nei lavoretti di casa, impareranno a cucinare, suoneranno uno strumento andranno al parco giochi. Senza un adulto a seguirli e a stimolarli, compiti o non compiti, più che una generazione di bambini più creativi, rischieremmo di avere bambini sempre più soli.

Guarda il documentario di Michael Moore
Che ne pensi del sistema scolastico finlandese? Conosci uomini o donne finlandesi di successo?

 di Rosa Cambara

 

Ti è piaciuto l'articolo?

- Iscriviti al canale YouTube - 

 
 
loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi