L’occasione della vita: come trovarla?

Dopo una serie infinita di "le faremo sapere", Francesca ha detto basta

Giornate piene di lavoro mal pagato o non pagato affatto, momenti di pausa trascorsi a preparare l’ennesimo colloquio, viaggi interminabili affrontati guardando il sito dell’azienda con cui hai appuntamento, a caccia del particolare che potrebbe colpire il responsabile delle risorse umane, per sentirsi dire, almeno una volta, “ce l’hai fatta”.  

E invece niente, a parte il classico “le faremo sapere”, che porta con sé il carico di frustrazione e di speranza per le aspettative mai realizzate, in un’attesa infinita di risposte.

Se stai leggendo questo articolo, probabilmente la tua vita è come quella di Francesca, che fino a qualche anno fa passava da un lavoro all’altro alla ricerca di un po’ di stabilità e della grande occasione per crescere.

Fin quando non finisci gli studi, non sai mai quanto è dura dopo

Ti chiedi perché non riesci a trovare lavoro, inizi a frequentare corsi per imparare a scrivere il curriculum e la lettera di presentazione, più altri corsi per imparare a sostenere i colloqui, perché gli esaminatori sono cinici e fanno di tutto pur di metterti in difficoltà. 

Chi non si è mai sentito rivolgere domande del tipo: ti ricordi il titolo dell’annuncio? Tre aggettivi con cui ti descriveresti? Perché hai scelto proprio la nostra azienda? Come ti vedi tra dieci anni? Per te è più importante il lavoro o la famiglia? E altre domande del genere.

In questi corsi ti spiegano che devi capire qual è lo stile dell’azienda per scegliere l’abbigliamento adatto, che devi arrivare sempre 5 minuti prima – mai troppo in anticipo, né in ritardo –, che devi mostrarti sicuro di te, senza lasciarti intimidire. Tutto questo per sentirti dire le solite cose: che sei bravo ma che dovresti prendere altre certificazioni, o magari frequentare un master, perché, nonostante tutto, non sei abbastanza.

Francesca a un certo punto non ne ha potuto più.

Scoraggiata per la mancanza di prospettive, ha deciso di chiamare una sua amica che si è trasferita in Germania per chiederle informazioni sulla vita all’estero, ma il giorno dopo è capitato ciò che meno si aspettava. L’hanno contattata per fissare un colloquio in una start up – a cui aveva inviato il curriculum mesi prima – e l’hanno accolta evitando le solite provocazioni inutili, ma facendole l’unica domanda sensata: cosa sai fare?

Dopo neanche una settimana le hanno detto che è stata assunta, e allora tutta la fatica, tutta la rabbia, tutte le lacrime hanno trovato un senso. Ogni esperienza fatta le è servita, anche quelle per cui tutti le hanno sempre detto di lasciar perdere.

La fortuna non esiste: esiste il momento in cui il talento incontra l'occasione. (Seneca)

Non ci sono formule magiche, né amuleti, né stregonerie varie. Come ripete spesso Marco Montemagno, il lavoro non si cerca, si attrae. Francesca ha smesso di aspettare che il lavoro glielo dessero gli altri, e ha iniziato a lavorare su progetti personali per mettersi in gioco. 

E allora, cosa aspetti?

Apri un blog, crea un canale Youtube, proponi progetti alle scuole, dedicati a un’associazione, organizza eventi: smetti di ripetere che sei bravo, dimostralo! Se dai prova del tuo valore pur avendo pochi mezzi a disposizione, prima o poi qualcuno si accorgerà di te e ti darà una possibilità. Proprio come è successo a Francesca.

E se proprio non succede? Bene, allora sei pronto per fare l’imprenditore!

di Rosa Cambara

 

 

Iscriviti al canale YouTube 

 
 
loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi