L’invidia è un boomerang o un seme? Sei tu a decidere

Ci sono foto che parlano con più forza di una voce squillante o di un linguaggio forbito

1958, Beverly Hills, Usa. Sophia Loren e Jayne Mansfield sono sedute in un ristorante. La prima approfitta della vicinanza per guardare con malcelato scetticismo il decolletè della bionda. Sembra incredibile che persino un’attrice affermata e desiderata come lei possa aver conosciuto l’invidia e la competitività spesso sotterranea (ma tagliente) che caratterizza molti dei rapporti tra noi donne “comuni”.

Gli occhi dell’attrice italiana sono fin troppo eloquenti, è evidente che sia infastidita dalle attenzioni catturate dalla collega: la scollatura del vestito della bionda lascia ben poco spazio all’immaginazione.

Leggi anche

Stanco di essere deluso dagli altri? Prova a cambiare panni...e punto di vista
 

L’invidia, un sentimento “democratico” che può logorare

InvidiaParliamoci chiaro: è naturale provare una sottile gelosia per persone vicine, che percepiamo come simili, e che riscuotono apprezzamenti in ambiti per noi rilevanti (lavoro, relazioni). A fare la differenza, però, è come decidiamo di usare questo sentimento.

La strada più immediata e comoda da imboccare è quella di alimentare segretamente la speranza che la persona invidiata precipiti nell’infelicità. Un approccio, questo, che, comunque, ha un solo effetto (deleterio): confermare – inconsciamente - a noi stessi che siamo inadeguati. Ci convinciamo così che gli obiettivi raggiunti dagli altri siano fuori dalla nostra portata.

Crogiolandoci nell’invidia spostiamo l’attenzione da qualcosa che dovrebbe starci a cuore (come fare a ottenere quello che desidero?) a situazioni fuori dalla nostra sfera d’azione, e che non spostano una virgola nella nostra quotidianità. L’infelicità altrui, infatti, non apporta nessun contributo concreto al miglioramento delle nostre vite.

 

InvidiaL’invidia è un’emozione dolorosa, a tratti sgradevole. Uno stato d’animo paragonabile a camminare a piedi nudi su cocci di bottiglia. Il più che tangibile rischio che porta con sé è trasformarci in persone frustrate e rabbiose, se non addirittura convincerci che l’universo tutto congiuri contro di noi e non ci apprezzi.

Per evitare di cadere in questa trappola mentale dobbiamo scegliere di fare il “lavoro sporco”. Vale a dire, spostare l’attenzione da ciò che è “fuori”, al “dentro”. Di cosa abbiamo bisogno? Quali risorse possiamo realisticamente mettere in campo per raggiungere i nostri obiettivi? Analizzare i propri limiti e punti di forza è decisivo, per “smuovere le acque”.

 

AutostimaIl confronto ha senso solo se ci sprona a fare del nostro meglio con quello di cui disponiamo. Ostinandoci a competere su un terreno che non è il nostro, inevitabilmente, ci condanniamo a reputarci sempre e comunque perdenti.

La prima e più importante forma di libertà di cui disponiamo è quella di valorizzare le nostre peculiarità. Solo così possiamo sfuggire alla tirannia del vittimismo e alla claustrofobica sensazione di essere costantemente vittima delle circostanze.

 
francesca garrisi
 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi