Jolla contro Golia: il sistema operativo alternativo ai colossi

Mettersi contro giganti dell'hi-tech come iOS e Android? C’è chi ha avuto il coraggio di farlo. 
Jolla, start-up finlandese nata nel 2012, ha sviluppato il sistema operativo SailfishOS, disponibile per qualsiasi produttore volesse associarlo ai propri dispositivi. La battaglia però non è sinonimo di vittoria. Il software non ha infatti ricevuto l’accoglienza che si aspettava; il mondo della tecnologia  non è  ancora pronto per “ un terzo uomo”.  
 
L'azienda abbandona così il fronte europeo e si sposta su  altre rive, scegliendo di dare fiducia ai mercati emergenti col maggior potenziale di  crescita, nello specifico India e Africa. Jolla si è perciò scissa in due comparti, uno dedicato allo sviluppo di SailFish Os e relativi accordi, l’altro che si occuperà della parte hardware.  
 
 "Davide" insomma non demorde contro i "Golia" del settore e vuole fornire un sistema operativo aperto, che offra vantaggi a clienti, operatori e istituzioni.  Si è puntato inizialmente  su chi è restio a utilizzare i servizi dei grandi colossi, Russia in primis. Sono anche state fissate le prime partnership con Intex per l’India e con Mi-fone per l’Africa, aziende poco note in terra nostrana ma importanti nei rispettivi paesi.  I prodotti diffusi saranno AquaFish, smartphone di fascia bassa con display da  5 pollici, RAM da 2 e memoria da 16 GB; elemento interessante è l’integrazione sul dispositivo della piattaforma  di streaming musicale asiatica Gaana e l’e-commerce Snapdeal.
 
Il mercato africano vedrà invece la  diffusione di diversi dispositivi, la maggioranza realizzati con materie prime eco-sostenibili, senza sfruttamento di manodopera.  Jolla collaborerà infatti con Ashel Patel, ex direttore di Motorola Africa.
 
Caro Davide, speriamo che stavolta la tua fionda faccia centro. 
 
 
Leggi anche:
 
Iscriviti al canale YouTube >>
 
loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi