In campo d’Amore, cosa stai coltivando? L’Amore è un buon seminatore

Giardinaggio romantico

piantina-mano-amoreSpesso si paragona l’amore a un fiore che può crescere, e ognuno è un po' un seminatore che prepara un terreno, fertile o meno, non si sa. Il tempo che hai dedicato alla tua rosa l’ha resa tale, ma non esiste rosa senza spine, fiore di loro che non sbocci dal fango, terreno arido e assetato da arare o argilloso da lavorare. Nell’umana valle del fare anima (J. Hillman), nello sconfinato campo che chi-amiamo Amore, a torto o a ragione, ognuno è anche un terreno a sé stante.

Tra erbacce e ortiche

Una possibile zolla personale dove coltivare speranza, emozioni, desideri è quant’altro la nostra visione rosea e romantica della fioritura, contempli. Tuttavia molto spesso succede di aver sbagliato semina, aver valutato male il terreno, avere innaffiato troppo il suolo e si finisce per raccogliere poco, niente, troppo, zizzania o tempesta. Ogni essere umano è un ‘buon seminatore’ in potenza, che per prove, tentativi ed errori, si attiene per quanto gli sia possibile, alle leggi stagionali della natura, compresa la sua.

Tutti fioristi e giardinieri

Senza stare ad indagare troppo le cause psicologiche o le dinamiche familiari, alla base dei rapporti andati più o meno a male, che giocano un ruolo a dir poco rilevante nello svolgersi di qualunque situazione a due, meglio usare qualcosa di più semplice e immediato come una buona parabola. Gesù, lo chiamo sempre in causa. Succede di amare e non essere amati, coltivare quotidianamente e amorevolmente un campo sterile o una terra buona. A tutti capita di vedere appassire i sentimenti più belli del proprio cuore come petali essiccati al sole. C’è chi irriga e innaffia troppo, e per questo prosciuga la sua fonte e disperde lacrime che esondano, chi invece è talmente inaridito nei suoi sentimenti da avere sgretolato ogni cuore.

amore-fioreInsomma, perché per alcuni l’amore cresce, per altri no, o magari germoglia là dove non si aspettava? Chi raccoglie arbusti, chi pochi fili d’erba, chi ortiche inaspettate. È un campo sconfinato quello dell’amore, e di sicuro, non si sa mai cosa aspettarsi. Resta inteso il detto ‘come semini raccogli’, quindi ognuno sia un seminatore consapevole, buono o cattivo ma responsabile.

Re, Regine e imperi per mezzadri e coloni

Altro topos di una certa fiorente spiritualità new age parla di ciascuno come proprietario, terriero, di un giardino interiore, dicesi anima. Sicuramente ognuno è imperatore del suo cuore, successivamente colono o mezzadro di un’altra porzione di terra che la vita gli affida, come incontro ‘casuale’, con un altro essere umano (modo/anima-realtà) a sé stante. Atolli in orbita di un Cielo che, fertile di Sapienza, affida uno alle cure dell’altro perché crescano, comunque vada. E può andare bene, come male, ma anche questo è provvidenziale, chissà…

Parabole d’amore

Gesù (in Matteo 13,1-23) ci parla di un buon seminatore e di tanti campi diversi dove la semina, per caso, avviene. L’Amore, nel nostro caso è il seminatore, che è sempre buono e mai cieco e mai miete. Vediamo come.

radici-amoreL’Amore gettato lungo la strada. L’Amore a un certo punto arriva e si presenta sulla tua strada, e lascia cadere po' della sua semenza ma subito gli uccelli lo divorano. Questo è il caso in cui l’amore che dai è ascoltato ma non compreso dall’altro, per cui quello che gli hai messo nel cuore è presto divorato da forze contrapposte.

L’Amore gettato tra i sassi. Può a(c)cadere in un terreno roccioso, con poca terra, dove subito germoglia, perché in esso non c’è profondità. Questo è un Amore superficiale, non profondo e vero, un amore immaturo (E. Fromm) che subordina il bisogno della presenza dell’altro all’Amore stesso, che non è dunque il fine primo e ultimo della relazione. L’amante accoglie con gioia la novità, ma siccome non ha radice in sé, è incostante e immaturo e alle prime difficoltà e perplessità, fugge e si tira indietro scandalizzato.

L’Amore gettato tra le spine. Queste crescono e lo soffocano. Qui le preoccupazioni della quotidianità e gli inganni del mondo (denaro, sesso, potere, vanità, narcisismo, declinazioni dell’ego), sono così forti che lo avvelenano e non portano alcun frutto.

L’Amore dato alla terra buona. È quello maturo che ha integrato eros, sentimento e spirito, e ha realizzato sé stesso nell’altro attraverso l’ascolto e la comprensione. Penserete all’Amore spirituale, o a una sorta di ideale irraggiungibile. Come si è dato un amore simile, che ha maturata la presenza dell’altro nella mia vita come secondaria all’amore e non come dipendenza affettiva o dramma familiare?

L’amore integrale

fiori-cuoreQuesto amore integrale (V. Mancuso) si è spinto oltre per realizzarsi, si è posto su un piano più elevato dal quale ha potuto scorgere tutta la vallata, così da correggere e correggersi, ha sopportato la fatica della correzione. Questo Amore ha sostenuto il fetore della concimazione che ha permesso la rinnegazione e la purificazione attraverso l’altro. Questa messa in discussione reciproca ha portato alla libertà nel sesso e nel sentimento, preziosi alleati di questo Amore. Il lezzo del concime, apre gli occhi a quella luce che ci mostra ognuno per quello che realmente è. Un essere umano degno amato e non idolatrato.

Accattone o Imperatore?

Certamente continueremo a disperdere semi lungo gli innumerevoli sentieri che batteremo, e qualcosa spunterà, qualcosa forse no. Cammineremo lungo gli stessi percorsi, o ne cercheremo altri, calpesteremo altri suoli, scopriremo nuove terre o coltiveremo sempre le stesse. Tuttavia, in questa lunga ricerca e umano desiderio di fioritura e bellezza, vediamo di non essere un accattone ai margini del campo, mendico di cure e attenzioni. L’Amore non fa mai male, e nel frattempo che ami, cerca di essere un imperatore o un’imperatrice del tuo e dell’altrui cuore. Tu semina e dona che da qualche parte, qualcosa di buono cresce sempre. Ma scegli bene il tuo campo, potresti scendere in guerra, come fare pace.

di Laura Pugliese

 

 
 
 
loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi