Il miglior modo per combattere l'invidia? Competere con se stessi

Stretta allo stomaco, voglia di rivalsa, desiderio insano di essere… al posto dell’altro.

 grimildeGelosia mista alla voglia di distruggere, di veder crollare l'oggetto delle proprie brame. In una parola? Invidia.

Un sentimento che tutti abbiamo provato almeno una volta nella vita. Tuttavia, se per alcuni è questione di momenti e legata a contesti ben precisi, per altri può diventare un reale ostacolo sociale.

L’invidia è sintomo di insicurezza e bassa autostima

 

Pensare che gli altri siano più bravi o capaci e di conseguenza, chenon arriveremo mai a quei livelli di bellezza, fascino o professionalità è un’implicita dichiarazione di inferiorità.

La domanda da porsi è, in primis, perchè credo che gli altri siano migliori di me? Forse siamo semplicemente destinati a un percorso diverso, ad arrivare all’obiettivo prefissato con più tempo, passando per sentieri ancora inesplorati.
 

L'invidia è un boomerang o un seme? Sei tu a decidere

La diversità è una ricchezza

diversità

Sono le differenze a renderci unici. Nessuno è meglio di voi per il fatto di aver raggiunto qualcosa che avreste tanto voluto ottenere. 

Le diversità sono una ricchezza e bisogna imparare a sfruttarle; può essere che voi abbiate abilità che le persone che invidiate non possiedono e che l’altro ammira, tacitamente, a sua volta.

Per questo motivo bisognerebbe riconoscere vicendevolmente i propri talenti, completandosi a vicenda.

Uccidi l'impostore che è in te!

Gareggiare con se stessi

autostima4

Immaginate di avere un piccolo alter ego e di dover fare, ogni giorno, un passo in più per superarlo, per arrivare primi al traguardo.

Pensate alla soddisfazione di raggiungere un obiettivo semplicemente con le vostre forze. Affossare gli altri attraverso l’invidia non servirà ad altro che farvi arrivare alla meta… soli.

Calpestare il prossimo non è l’atteggiamento giusto. Ciascuno ha i suoi sogni da trasformare in realtà:meglio impiegare le energie per migliorarsi piuttosto che per invidiare ciò che gli altri non hanno.

Ciò non significa che non si deve far tesoro dell’esperienza altrui.  Seguire i passi di chi ha già raggiunto obiettivi è lecito, così come imparare dagli errori propri o altrui.

Ammirare, non invidiare. E il futuro sarà vostro.

 

irene-caltabiano

 

di Irene Caltabiano

 

 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi

Contattaci