I gusci d'uovo? La bio-plastica del futuro

Dalle uova non nascono solo i pulcini.

gusci-d'uovo

A dimostrarlo uno studio della Tuskegee University, Alabama. Questo scarto naturale, se adeguatamente mescolato con  eco-plastiche,  può diventare perfetto materiale da imballaggio; non solo del tutto biodegradabile ma anche resistente e flessibile.

Leggi anche: Birra, le confezioni commestibili che salvano il mare

Vijaya K. Rangari, scienziata che ha presentato l'invenzione  al 251esimo meeting annuale dell'American Chemical society, ha spiegato come si ottiene il materiale:

guscio-d'uovo-6«Rompiamo i gusci d'uovo fino a ottenerne le più piccole componenti e poi le aggiungiamo a una speciale miscela di bioplastiche che abbiamo sviluppato».

Queste nanoparticelle di guscio aggiungono resistenza al materiale e lo rendono molto più flessibile rispetto a materiali simili sul mercato. Crediamo che queste caratteristiche, insieme alla biodegradabilità nel terreno, possano rendere le bioplastiche con gusci d'uovo un materiale di imballaggio davvero alternativo».

 

Non è il primo tentativo di creazione di plastica eco-sostenibile. Sono già stati realizzati altrettanti bio-imballaggi usando patate dolci, amido di mais o altre fonti vegetali.

Le bio-plastiche saranno  il futuro del packaging? Speriamo lo diventino al più presto.

 

 

di Irene Caltabiano

 

 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi