Gig economy, l'economia del lavoretto che fa gola ai colossi (come Ikea)

Montare una poltrona, portare a spasso il cane, fare le pulizie.

task-rabbitLe commissioni che ci affanniamo a fare nei ritagli di tempo e che sarebbe bello, ogni tanto, delegare a qualcun altro. Questo bisogno, direttamente proporzionale all'avere vite sempre più frenetiche, è già stato individuato da parecchio tempo. E trasformato in business. 

Gig economy, l'economia del lavoretto

gig-economy

Nell’era in cui viviamo non si fa in tempo a comprendere una novità che viene subito surclassata da un’altra. Così, dopo il boom  della sharing economy, l’economia della condivisione che ha dato vita a colossi quali Airbnb e Bla bla car, si è fatta strada la gig economy.

Letteralmente economia del lavoretto, rispetto alla sorella maggiore, non riguarda dividere costi di attività che si farebbero comunque, quali un viaggio in auto Roma-Firenze o pagare l’affitto di casa.

Nel caso di Task Rabbit, startup che ha avuto il suo boom negli ultimi anni e recentemente acquisita da Ikea, si parla di prestazioni lavorative on demand, cioè solo quando c’è richiesta effettiva di servizi e competenze. Un metodo lavorativo che non ha in realtà nulla di nuovo, ma diventato più accessibile e rapido grazie alle app e al web.

Come funziona Task Rabbit

task-rabbit-2Come detto in precedenza, è un market place di domanda e offerta di lavoro. Il sito trattiene il 20% del prezzo dei servizi e seleziona e garantisce persone che svolgeranno i diversi compiti per i clienti, nello stesso quartiere o nella stessa città.

 

La task force sono studenti, disoccupati, pensionati, di età compresa tra i 21 e i 72 anni. Qualcuno lo fa per arrotondare e pagarsi gli studi. Altri perché, senza un lavoro full time, hanno trovato in Task Rabbit un modo alternativo per far fronte alla crisi. Ma anche individui che, avendo tempo libero, decidono semplicemente di mettere a disposizione le proprie competenze.

Un business in evoluzione

task-rabbit-8Se prima ciascuna personapoteva commissionare task di qualsiasi tipo, decidendo il prezzo della prestazione, oggi si va verso una migliore strutturazione. Intanto le richieste sono state suddivise in quattro categorie, sulla base dei "bisogni" più frequenti: pulizie, lavori manuali, traslochi e commissioni.

Leggi anche: Helpling, la Uber delle pulizie domestiche

Il modello è simile alle aste di E-bay, in cui un algoritmo si occupa di far incontrare clienti e lavoratori ad un orario prefissato, cosa che rende il processo più veloce. Prevista anche una copertura assicurativa per eventuali danni provocati dai taskhunters.

Ikea e Task Rabbit, accoppiata vincente?

ikea.task-rabbitLa startup si sta a poco a poco verticalizzando e quest’accordo con Ikea potrebbe rappresentare il core business di Task Rabbit, aumentando il potenziale guadagno dei taskers e collegando i consumatori ad una gamma ancora più vasta di servizi a prezzi economici.

Il colosso svedese mette così il cliente al centro, specie per quanto riguarda l’offerta online, aggiungendo all’acquisto anche il montaggio dei prodotti. Una novità che va di pari passo con l’introduzione di Ikea place, app virtuale che consente di visualizzare i mobili scelti direttamente sul proprio smartphone.

Leggi anche: Cos'è la realtà diminuita?

Anche l’Italia si muove ormai sull’onda lunga della gig economy. La sorella nostrana di Task Rabbit è Taskhunters, in cui gli studenti si mettono a disposizione per lavoretti a breve termine. 

Un modello che sembra destinato ad avere vita lunga, ottenendo sempre maggior credito e legittimazione. Un bene o un male?

irene-caltabiano

 

di  Irene Caltabiano 

 

 

 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi