Foodscapes: se usassimo i piatti per concimare la terra?

La plastica è ormai nemica numero uno dell’ambiente.

foodscapesIn questi ultimi anni si è infatti cercato di arginare il problema inquinamento con nuove e continue soluzioni di riciclo. Una formula efficace è stata ideata da Michela Milani, designer italiana inventrice di Foodscapes, linea di stoviglie prodotte con avanzi di cibo vegetale.

Una terza vita

foodscapes-4

Materia prima? Gusci di arachidi e bucce di carote; un piattoche ha più la forma di un seme, adatto a contenere alimenti secchi. Due piccioni con una fava, per ridurre sia la quantità di rifiuti alimentari che di quelli indifferenziati.

 

L’idea che sta alla base di Foodscapes è sfruttare gli scarti alimentari, generalmente destinati al compost, per una fase intermedia, trasformandoli in un oggetto in grado di contenere altri alimenti.  

Come vengono realizzati i piatti?

foodscape-7Foodscapes sfrutta un’azione di ricostruzione della materia alimentare di scarto, libera da additivi, addensanti, correttori, agenti artificiali e coloranti. «L’essenza naturale e la sostanza biologica del cibo tendono a coincidere per poi, comunque, rigenerarsi» spiega Milani

Una volta utilizzati infatti, è possibile sciogliere i piatti in acqua e risfruttare quest’ultima, arricchita da nutrienti, per concimare la terra, come si farebbe col compost. In questo modo i piatti non andranno certo a finire nelle discariche o negli oceani.

Esistono già bioplastiche dedicate al consumo alimentare e piatti e posate edibili ma ci auguriamo di trovare la linea Foodscapes presto in commercio a disposizione delle tasche di tutti. Sperando un giorno di eliminare davvero la parola usa e getta. 

irene-caltabiano

di Irene Caltabiano 

 

 
 

 

 

google playSeguici anche su Google Edicola »

 

loading...

✉ Iscriviti alla newsletter


☝ Privacy policy    ✍ Lavora con noi